Ventitré

Pronunziati come Mike (oh, i commentatori qui sotto non sono fiorelliani, che dispiacere).
 
Pensate, ventitre anni fa stavo al nido, dopo che alle 7 di mattina usciva fuori dal grembo di mia madre (è mia madre, indi per cui chiamiamolo grembo) il mio simpatico piedino l’ostetrica decise che era d’uopo il cesareo.
Ecco.
 
Oggi è stata invece una giornata di merda perché tra 12 ore sono in corsia e nessuno sa dove. Che bello.
Diciamo che è il mio peggiore compleanno, o per lo meno tra i tre peggiori.
 
Grazie a quelli che mi hanno fatto gli auguri ovunque e quelli a cui non ho risposto perché il telefonino non prendeva. Vado a festeggiare un’oretta.
 
[per chi non ci ha ancora capito una sega: è il mio compleanno.] 

0 thoughts on “Ventitré”

  1. Ehm, in ritardo come al solito…l’esame di ergonomia mi ha fatto diventare davvero cafona: auguroni!!!

    Giusto per la cronaca, anch’io sono una fiorelliana, anche se raramente riesco ad ascoltarlo, e il suo Mike mi fa morire! Sai che ha già firmato per Radio deejay però? Peccato, speriamo non rovinino tutto…intanto sicuramente ci toccherà sorbirci più pubblicità.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.