Non mi ricordo proprio tutto.

Da quando li assaggiai alla Barilla fu amore: i Molinetti son troppo buoni. Sia pucciati nel latte che secchi. Credo che ci sia della droga sopra al posto dello zucchero di canna… ah, dite che canna… mmmm…
Dopo i pan di stelle e le campagnole sono irrinunciabili in dispensa, anche perché con la glossite non è che si mangi granché.
Solo che quegli stronzi non me li regalano mai. Uff.

***
Andando al lavoro oggi mi sono accorta che la mia capo è incinta.
Solo che non mi ricordo se me l’ha detto, ma credo di no. La mia capo pensa sempre che mi abbia detto le cose. Ci fu una volta che erano forse le 14 e mi chiamò al cellulare dicendo:
"Ma ti è capitato qualcosa?"
"No, perché?"
"Non dirmi che non ti avevo chiamato dicendo di venire al lavoro che mi serviva una mano in fretta…"
"Tanto sono in facoltà, firmo e arrivo."
Solo che mi sembrava brutto fissare la pancia e dire "Uuuuh, ma sei incinta?". Cioè, poi, checcazzo di domanda è? Si nota. Vabbè, tra un paio di mesi risolvo tutto e me ne esco con un:
"Quanto manca?"

***
Ho notato che quando devo parlare di argomenti circa la mia sfera di ricordi ho ripreso a balbettare. La cura sarebbe riprendere la radio, ma insomma… ci sono tanti ma.
Il primo è che la domenica c’è House.
Il secondo è che non so davvero cosa dire.
Il terzo è che non c’ho voglia, diciamolo. E poi a fine mese che dovrei fare, radio a Parigi? Chiamo la trasmissione Curie? [ossignore…]

***
I dirimpettai di balcone sono come Lui. Inizio ad avere seriamente paura.

***
I toscani, l’ho appena sentito casualmente al tg4, sono i più portati verso l’amore e il sesso. Orbene, conterranei, ce la facciamo una maglietta ad hoc? Altro che italians do it better, andiamo a specificare la regione, orsù.

0 thoughts on “Non mi ricordo proprio tutto.”

  1. Sono fiera di commentare per prima un post sui molinetti!Il pregio maggiore per me è che non mi permettono di mangiarne un pacco intero come es. gli abbracci, te ne mangi uno o due a colazione e sei felice. Io però ne ho mangiato solo un pacco in vita mia, non ho sviluppato dipendenza. La mia unica droga è il cioccolato.

    D. la collega

  2. Neanche a me, ma dopo il duecentocinquantesimo grammo mi sento un po’ appesantita…

    Fran, hai assaggiato gli Intrecci?Com’erano buoni, ma non esistono più?

    D.

  3. >…mi sembrava brutto fissare la pancia e dire “Uuuuh, ma sei incinta?”

    >Vabbè, tra un paio di mesi risolvo tutto e me ne esco con un: “Quanto manca?”

    E lei: “Come, non te l’avevo detto? Aborto spontaneo”

    Tipica figura alla Bridget Jones…

    PS: naturalmente non auguro nulla del genere a nessuna!

    beh, sì, alla mia ex sì…

    :-)

  4. mc: credo si disquisisca sulla tecnica e la propensione, non sulla quantità ;)

    [e cmq spero di non farla quella figura, anche perché l’addetta ai lavori pesanti sono io…]

    Daniela: sai che gli intrecci a me non piacevano granché? Ma i ritornelli ci sono ancora?

    Velenero: ehm, dici?

  5. Sì i ritornelli (passione d’infanzia)esistono ancora. Ma io da domani sono a dieta, eh!Così non mi si riconoscerà più anche se ormai ho perso l’anonimato (non fa nulla, fran, non è un rimprovero!!)

    Vai a Parigi per diletto o per studio?

    D.

  6. No… sei tu che hai l’autostima sotto le suole delle scarpe… e poi… pensavo ad un’inquetante coincidenza… dopo parma, vai in un altro posto dove la R è un’opinione… non è fantastico?

    E’ un segno del destino, Fran…! DEVI continuare a fare il programma da Parigi!

  7. Ehm, sull’autostima è vero :D

    Cmq, sì, beh, è destino. La erre non serve. Diciamo che se il wifi funge in hotel posso pensarci (ecco, oppure se avessi batterie lunghe la farei anche all’aperto, vediamo)

Rispondi