Annessi cutanei.

Ho deciso una cosa. Terrò le unghie lunghe fintantoché non mi caverò dalle ovaie gli esami preclinici e dovrò rimettere zampa in corsia dai malati.

[Poi naturalmente i malati li toccherò come si faceva nei sanatori, guardandoli dall’alto e spostando le vesti con lunghe canne di bambù. Oh, la maggior parte delle infezioni è dovuta dalla scarsa igiene dello zozzone che avete nel letto accanto.]

Solo che c’è un problema. A me i capelli e le unghie crescono con dei ritmi troppo veloci. In pratica dopo un mese- due mesi potrei rivendere a centimetraggio codesti annessi cutanei. Specie le unghie, ma non so se esiste un commercio come per i capelli. Se ci fosse magari avvertitemi, che qui ci si sbarcherebbe il lunario.
Regalo comunque pezzi di unghie, non so come potreste attaccarveli, il Bostik mi pare inadatto.

Già mi ci vedo a firmare lo statino con le unghie rigirate alla Flo-Jo.

Le unghiette

[nella foto la mia mano destra dopo 20 giorni di non taglio di unghie. In futuro non potrò più, lasciatemi bullare. Putroppo ci son due o tre sbaffature di smalto, ma insomma, poi se ne vanno]

0 thoughts on “Annessi cutanei.”

  1. Comunque una volta sono incappato su uno che vendeva le sue unghie tagliate su e-Bay. Puoi provare a far concorrenza: lui aveva una raccolta di unghie cominciata da qualche anno, ma vuoi mettere anche con un singolo tronchettino della Fran? Ssse.

  2. Che poi è tanto bello avere ‘sti smalti scuri, ma quando li devi levare è una battaglia.

    Ultimamente mi ero dedicata allo smalto ciliegia, ma ogni volta che lo levavo rimaneva giusto quel pochettino che sembrava avessi fatto un intervento a cuore aperto a mani nude.

    Amaracchia

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.