Ovunque proteggi.

Io l’ho detto, oggi, mentre ero al telefono. Ho detto che questo mese mi è sembrato dilatato come spazio temporale. Anche se son stata male una settimana a letto. Ma se penso a dove ero e cosa facevo il 2 sembrano millenni fa.
Pensavo che io non soffrivo il solletico, prima.
Il tempo scorre piano ma non so come mi sento. Non so come va. Non mi sento giù, a tratti mi sento un ombra. In altri momenti penso al solletico.
Senti anche te come a volte rido, esternamente.
Sai anche te, che basta guardarmi bene per sapere come sto.
Riuscire a fingere all’esterno e riuscire a proteggere quel che ho è la più bella delle sfide, ora.

0 thoughts on “Ovunque proteggi.”

Rispondi