God is an engineer.

Non so voi ma io quando ci penso mi meraviglio sempre, vedere il corpo umano questa macchina perfetta armoniosa e simmetrica, e poi c’è un coglione più in basso di quell’altro
(Stark)

‘Sta cosa che il corpo umano sia una macchina perfetta va bene fino a un certo punto. Nel senso è perfetta finché tutto va bene. Per un minimo intoppo sono cazzi, francesizzando e riassumendo il tutto. Infatti la sostituzione del pezzo rotto non è prevista, la manutenzione non è facilissima da fare e poi insomma, ci son troppe varianti sul modello base e spesso la casa madre fornisce difetti di fabbricazione mica da ridere.
Tolto questo voi potreste dirmi che il progetto è buono. Mica tanto. Cioè, se ammettiamo il creazionismo possiamo dire che Dio è un ingegnere edile con una laurea triennale, un po’ ciellino. Che insomma, con tutto il rispetto degli ingegneri che seguono ma insomma i vostri limiti li sapete anche voi eddai, non era così sveglissimo al momento del progetto, ché si vede che aveva da fare lì ad attaccare volantini con lo student office contro gli scioperi e contro l’eutanasia e ci aveva ‘sto progettino in scadenza… allora la sera tornando a casa ha preso un caffè, si è messo lì ed ha detto "oh, però in sette minuti sto essere è uscito bene, vah". E da lì si è rimesso a giocare con la play.

Io quando mi dicono che sì, il corpo umano è un miracolo fo sempre l’esempio del ginocchio. La struttura del ginocchio, in soldoni, è una roba che si regge su per miracolo. Oh, può sembrare una battuta, nel contesto. Dicevo: pensate che i chili di Giuliano Ferrara vanno a scaricarsi su una struttura di ossicini che scarica il peso del femore che è un osso che punta verso l’interno e lo ridistribuisce verso un osso che va più esternamente. Cioè, poi voi vi lamentate se due elastichini che reggono tutta quella struttura lì vi si spezzano perché fate i fighi in settimana bianca dopo che tutto l’anno state col culo posato sulla sedia e per 5 giorni all’anno vi sentite tombalabomba?
Eccheccazzi.
Il casino è che se si sfracella tutto la manutenzione dopo è un po’ pesa.

Se ammettiamo invece l’evoluzione ci possiamo dire tra noi che comunque il modello base era peggio di una FIAT. Insomma, si partiva già dallo scrauso.

Tutto questa riflessione è nata dopo una tournee in bus: io prendo la linea che passa per l’ospedale, e stranamente si svuota, il bus, proprio quando si giunge innanzi al nosocomio. Solo che di questi periodi ti fai un areosol di germi, visto che tutti tossiscono e sputacchiano come monatti. Io a quelli che non prendon nulla e si preoccupano di ciò, oltre a scherzare chiedendo loro se si può far cambio di difese immunitarie visto che le mie son state bombardate, gli consiglio un giretto sui mezzi in questo periodo. Io invece già sto una schifezza, visto che ste cose si vanno a sommare: insomma, a volte credo che il mio corpo ritenga che vivere senza dolori sia una scelta trasgressiva


0 thoughts on “God is an engineer.”

  1. La cosa di Ferrara mi ha fatto riflettere. Basta! Scendo in campo! Il mio dovere morale mi obbliga a difendere le povere giunture di Ferrara! Abbasso il ciccione! W le giunture! Il sacro valore della vita delle giunture va difeso!

  2. L’unico attestano miracolo di Lourdes è che chi fa il bagno in quella vasche gremite non ne esca con malattie peggiori di quelle con le quali vi era entrato.

    io non lo so, sul valore della Laurea di d., però una roba è certa con il tuo cerello si è scatenato!!

    Levità, arguzia, e perfino una certa dolcezza.

    Lodi, lodi, lodi dall’ultima portavoce del Comitato!

  3. un episodio vero ma detto così per ridere.

    un mio conoscente per scherzo si è bevuto tutta una bottiglietta di sciroppo, quello marrone e giallo per la tosse (caspio, non ricordo il nome). invece di esser vittima di un attacco lungo due giorni di megasquaraus come mi aspettavo è andata a menarsela che quel anno non si è mai ammalato di nulla-nulla-nulla.

    io la mia teoria me la son fatta. siccome le difese immunitarie non si occupano della scatola cranica per non perdere tempo sono più concentrate sul resto del corpo, sciroppo o non sciroppo.

    ossequi! :-)

  4. Lo dico delicatamente:

    Porca troia marcia che ridere! siete dei rincoglioniti uno più in basso di quell’ altro e viceversa!

  5. io vorrei dire una cosa a difesa dell’uomo Bisolvon.

    Io ho la boccetta del Bisolvon in camera, l’ho finita in circa due mesi, due mesi e mezzo.

    Va bene, avevo preso uno streptococco e non lo sapevo, ordunque la mia gola ha fatto festa per quasi due settimane.

    MA la verità è che finita l’emergenza io ho continuato a ingerire.

    Sono bisolvon dipendente.

    Sa di cioccolato e ciliegia, e non c’è zucchero.

    E’ come mangiare un cioccolatino e non ingrassa.

    E’ buonissimo.

    Cioè, per dire: io quel tipo lì lo capisco.

Rispondi