Combat salacious removal.

Yeah but nobody searches
And nobody cares somehow
(Interpol)

Ora, magari a voi non farà né caldo né freddo perché magari voi ci siete abituati ma qui a Parma mancavano invece, perché bastava che tu andassi a Mantova e già lì ai semafori di Mantova c’erano gli storpi che ti chiedevano l’elemosina, ed eran quelli che poi a fine turno mollavano la stampella e correvano tipo Bolt quello dei centometri verso il bus belli vispi. Ecco, però ultimamente a Parma c’è un pullulìo di gente che fa accattonaggio e chiede l’elemosina.

A me non è che dà noia, o perlomeno dà fastidio alla mia parte xenofoba, l’accattonaggio in se per se stesso. Ché ci son parecchi barboni che han sempre gironzolato, però quelli ci hanno sempre una dignità della madonna, e ti stan lì a fare la loro vita e magari rovistano fuori dei bidoni del supermercato e te se ti avanza qualcosa gliela dai pure, e c’è come dire tolleranza anche se a volte la vita in quel modo a me preoccupa ma boh, in alcuni casi son scelte.
No: a me da noia quei cazzo di tizi che ora anche al semaforo ti smollano il pupazzetto col biglietto dove ti dicono "me lo compri perché ci ho bisogno". No, non te lo compro, perché se voglio far la carità deve essere un moto che mi parte da dentro, e non sto parlando di borborigmi. Dava già fastidio sul treno, dove una volta vidi una specie di lite tra uno di questi venditori e un passeggero, reo per il venditore di aver manomesso il pupazzetto e che quindi doveva risarcire l’offerente.
A me stava sulle balle anche quando andavo in chiesa e il prete mi diceva di scucir danari ché c’era da riscaldar la chiesa. Io non sto ancora riscaldando neppure a casa, vedete un po’ voi.

Comunque, quando mi si attaccano alcuni in giro a chieder l’elemosina son tremendi: io quando esco in centro esco per lavorare, ergo esco senza borsellino (e quindi senza documenti). Se gli dico che non ho soldi mi mandano letteralmente affanculo. Altri invece, più cortesi, non ci credono e mi si attaccano alla gamba tipo cani in calore finché non gli rovescio le tasche e gli dico proprio che non ho un cazzo, anzi sto anche morendo di sete e non posso permettermi di prender un bicchiere d’acqua. Lì mi guardano male e s’allontanano.
Una volta provai a consigliargli di andare alla caritas ma due zingare iniziarono a rincorrermi. Mah.

Ma la cosa che mi preoccupa ultimamente è quel ragazzo che chiede l’elemosina lì buonino in un angolo di via Mazzini, con un cagnolino cucciolotto piccolo tenero paffuttoso.
Ecco, io son delle sere che vado a letto e mi preoccupo per quel cane.
Ieri sera sono uscita con:
"Mamma…"
"Eh"
"Ma a quel cagnolino quello lì gli darà da mangiare?"
"Ma credo di sì…"
"Ma gli vorrà bene? Cioè, non è mica proibito sfruttare ste bestiole per l’elemosina? Non ci gioca neppure, è lì triste triste…"
"…"
"non si può andare lì, gettargli delle monete arroventate e liberare il cane dalla schiavitù?"


0 thoughts on “Combat salacious removal.”

  1. Ma si facciamo come il marchese del Grillo, che lanciava le monete arroventate ai poveri mendicanti!

    Graziella 2204

  2. Non so come finì la vicenda del tuo peluche a cui volevi trovare un nome… ora però sono io che son nei tuoi stessi guai.

    Passeresti mica da me e butteresti prima un’occhiata e poi un’idea????

    Grasssssie.

    Sara

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.