Nicchie (tipo gli studi epidemici a coorte)

[finalmente uno scambio di battute non pucciose ma degne dei registri linguistici di codesto blog/sglaps]

Tratta dalla mia intervista ai Canadians su Radionation:

Fran: Si dice sempre che le cose sostenute dai blogger nel paese reale non contino un cazzo. Bene. Voi siete sostenuti dai blogger: visto il successo ottenuto dalla viralizzazione (è orrenda ‘sta parola) dello streaming dell’ultimo lavoro. Temete di fare, non so, la fine di Scalfarotto o volete bene al vostro pubblico bloggante?

Dietnam: Sì dice così? Chi cazzo lo dice? Io tutto quello che ho scoperto (musicalmente, televisivamente, cinematograficamente e qualche altro -ente ancora più lungo) negli ultimi anni l’ho scoperto tramite i blog, quindi mi sembra di capire di non far parte del paese reale.
L’idea di far girare lo streaming del nostro disco tramite una rete di blog (e non solo) è stata efficace, facendo girare il nostro nome anche dove mai era girata prima d’oggi. Lo scopo era quello di far sentire le nostre canzoni al maggior numero possibile di persone: scopo raggiunto. Se poi queste persone non rappresentano il paese reale è un problema di opinionisti e analisti del 2.0.
I Canadians hanno iniziato a far girare il proprio nome attraverso un blog, quindi è stata la normale prosecuzione di tale lavoro quest’idea dello streaming: colgo quindi l’occasione per ringraziare e baciare fortissimamente chi ha preso parte a questo esperimento.


0 thoughts on “Nicchie (tipo gli studi epidemici a coorte)”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.