Centoquattordici, circa.

Con il concerto dei Friendly Fires della settimana prossima mi sono vista esattamente 114 set di artisti in un anno solare. Sono molto contenta di questo: ci sono stati pochi concerti che mi hanno lasciato un po' così, stranita dal non capirli. Forse un paio non un granché. Ho visto finalmente dopo una decina di anni di ascolto gente come Jimmy Gnecco e i Foo Fighters. 
Tre volte Anna Calvi. The volte i The National. 
Ho conosciuto alcuni nuovi amici. 
Mi sono incazzata per concerti corti cinquanta minuti e iniziati dopo le 23, con io lì a sbadigliare perché il sonno era lì presente. 
Mi sono cibata di un casino di panini, ho speso tanto in birre. 

Ho imparato a nascondere bene la fotocamera.
Ho perso il conto di quanti soldi ho sprecato in benzina.

E dire che potevano essere una decina di più, se in questo mese non fossi stata male, o se alcune volte non ci avessi avuto voglia. Che storia.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.