Kerepesi temető a Budapest: storia del cimitero.

Budapest: Kerepesi CemeteryNon ha una bellezza estrema come altri cimiteri monumentali, ma vale una visita, Kerepesi, a Budapest. Il cimitero è molto ampio, con tombe molto spaziate tra loro e piuttosto ordinate. Un vero e proprio parco: sinceramente i 56 ettari di cui sarebbe composto non li ho notati. Questa spaziatura è dovuta a una riorganizzazione in epoca comunista, dove si è cercato proprio di fare del Kerepesi una sorta di mostra delle glorie ungheresi comuniste trapassate, nonché di forti bombardamenti durante la seconda guerra mondiale. Solo un settore (entrando il più distante dall’ingresso mantenendosi sulla destra) rimane non curato e con le croci inghiottite dalla natura… Per il resto c’è ampio respiro. C’è una grande differenza tra fuori, lungo Fiumei út, e dentro nella solitudine del cimitero; sembra quasi di entrare in un parallelo santuario di pace nel cuore della città e uno dei migliori parchi per passeggiate e contemplazione tranquilla a Budapest. Un buon posto per trascorrere un pomeriggio o forse l’eternità.

Vi posso solo dire che tutte le foto che avevo visto prima di andare mi avevano dato un’altra idea del luogo. Sono rimasta sorpresa, positivamente.

Nel 1841, il conte István Széchenyi decise che ci dovresse essere un pantheon nazionale ungherese. Otto anni dopo, la sepoltura è iniziata nel Kerepesi. Cerchiamo di darvi un’infarinatura se volete andare a fare una visita.
Budapest: Kerepesi Cemetery
Forse perché a vista d’occhio è davvero molto poco denso di tombe: il Kerepesi di Budapest stupisce per dimensioni, vegetazione e qualità dei gruppi contenuti, opera principalmente di scultori formati dall’Accademia Ungherese. Organizzato canonicamente con un porticato, un pantheon centrale – che dal 1950 è il luogo delle sepolture di stato – e un ampia area centrale di sepoltura esso conferma come le iconografie cimiteriali subissero una reale globalizzazione ante litteram: la soglia, il vigore del nudo, l’angelo della morte…

Somigliando ad un ampio parco questo cimitero si fa apprezzare, come dicevamo, per la sua tranquillità non tetra. Molti entrano in auto per andare direttamente alle tombe, diverse madri lo usano come parco per i passeggini, è il regno dello scoiattolo-watching. La pagina wiki inglese riporta come non sia più aperto alle sepolture. Rettifico: non è vero, ci sono tombe recentissime e per di più in alcune ci sono i nomi di alcuni “prenotati”. Signore del 1926 che hanno già nome e foto sulla lapide, pronte ad occuparla. Bizzarro.

Tombe coperte con il cellophane e i volantini LIDL per proteggerle dalla neve. Poi molto toccante è stato vedere di fronte al monumento ai caduti del ’56 varie persone evidentemente lì per qualcuno venuto a mancare, un elemento che dà la misura di quanto dolorosa e recente sia la storia di questo paese. E quanto strano sia vedere le bandiere dei partigiani bruciate al centro…

Spicca poi comunque, e vicino ai partigiani del 1956, il Pantheon del movimento della classe operaia, in cui sono conservate le reliquie di personaggi che “vissero per il comunismo e per il popolo”, accanto ai quali c’è la tomba di Jànos Kàadar, che governò il paese dal 1956 al 1988. Poco distante dal pantheon si trova il Mausoleo del XIX° secolo di Kossuth, che fu un grande capo rivoluzionario nel 1848, del conte Batthyàny, giustiziato per essere un rivoltoso e di Ferenc Deak. Ultimamente è stata aggiunta la tomba di Jozsef Antall, il primo premier dell’Ungheria postcomunista, dove al posto della croce che adornava inizialmente la tomba, è stato costruito un monumento allegorico enorme, con su dei cavalli che cercano di liberarsi da un sudario. Il cimitero di via Kerepesi ha anche un angolo di italianità: custodisce alcune tombe degli ufficiali garibaldini ungheresi e anche di alcuni soldati italiani. Inoltre Sergio Failoni, che fu per due decenni primo direttore del Teatro dell’Opera di Budapest, è sepolto sempre nel cimitero di via Kerepesi. Questi, assieme all’elemento di italianità portato dalle arcate presenti nel cimitero, e non presenti in altri camposanti al di fuori del nostro paese.
Budapest: Kerepesi Cemetery
Quello per quanto riguarda la cosa turistica. Poi se avete la bontà di proseguire queste sono due righe tratte da miei scritti altrove.

Nel cimitero non c’è solo il segno delle bombe o dell’inquinamento. C’è stata l’opera degli infaticabili tombaroli. Ad esempio, Lajos Batthány è stato ucciso durante la rivoluzione nel 1849 con tre proiettili. Il suo corpo era nascosto nella chiesa di Rákóczi út, e non poteva riposare in pace fino al 1867 perché veniva continuamente spostato. Nel perdurare di questa fortuna il povero Batthány è stato disturbato di nuovo nel 1993, quando tombaroli profanarono il suo sepolcro per rubare la sua spada del valore di 22 milioni di Fiorini. Hanno trascurato malauguratamente (per loro) orecchini della di lui consorte, che valgono la metà, che sono stati ora collocati nel Museo Nazionale per evitare che si “volatilizzino”.
Questo cimitero ha visto molti funerali di importanza storica.
Ad esempio il 6 ottobre 1956, la sepoltura di László Rajk (1909 -1949), che fu un leader comunista clandestino combattente nella guerra civile spagnola. Dopo la seconda guerra mondiale è stato ministro ungherese degli Interni, e successivamente ministro degli esteri. Falsamente accusato di “titoismo”, fu arrestato e giustiziato nel 1949, diventando la vittima più famosa degli ungheresi purghe. Nel disgelo che seguì la morte di Stalin, è stato riabilitato dopo la morte e ri-sepolto nel cimitero Kerepesi. La sepoltura è poi diventata una manifestazione di massa, dando un accenno di rivolta che sarebbe scoppiata dopo 17 giorni.

La sepoltura nota più recente Kerepesi era quella del Primo Ministro József Antal morto in carica nel 1993. Il suo funerale ebbe luogo in una serata gelida Sabato nel dicembre 1993, presenti migliaia di persone con le candele in mano a seguire il feretro, cantando inni tristi nel crepuscolo illuminato. La tomba per contrasto ora si trova nel bel mezzo di un luminoso prato soleggiato.
Una modesta croce di legno, ricoperto di omaggi floreali, contrasta con il luogo di riposo vicino di uno statista di un altro tempo, Ferenc Deák, onorato da un mausoleo di pomposità ostentata.
Anche il più grande statista ungherese, Lajos Kossuth (1802-1894) ha un immenso mausoleo.
Kerepesi temető
Situato in un angolo, lontano dagli statisti e dalla nobiltà è il pantheon dei lavoratori progettato da József Körner nel 1958, uno dei pochi posti a Budapest dove si può vedere la parola “comunismo” scritta in grassetto.
Lo slogan “Un KOMMUNIZMUSÉRT A Eltek NÉPÉRT” (Hanno vissuto per il comunismo e per il popolo) domina la piazza grande costruita in pietra bianca.
Statue giganti di due giovani e una donna che si tengono per mano in stile realista socialista sembrano volgersi ad ammirare con coraggio verso il futuro. Sei massicci blocchi di pietra bianca e targhe ricordo testimoniano il coraggio degli operai socialisti.
Sotto tutto questo c’è la cripta, è visitabile se gli addetti sono in servizio, dove le ceneri di politici e artisti trovano la pace eterna. Leo Frankel, Gyula Derkovits e Ferenc Rózsa sono solo alcuni dei molti nomi, riconoscibile dai nomi delle strade di Budapest.
Nero urne in ceramica stare su mensole di calcare rosso intagliate da austriaci. Una delle urne contiene le ceneri di una certa Eva Braun, che ha in comune un’ononimia ma è una donna che ha veramente vissuto una sua vita parallela a quella più famosa e, ironia della sorte, era un giovane ebrea partigiana. Il nome e le date, 1917-1945 sono identiche a quelle dell’amante di Hitler.

Molte delle pietre tombali presentano fori di proiettile, vittime dei tiri-a-segno dei Russi dai gradini del mausoleo Deák, che cercavanodi distruggere punti di riferimento per rendere più difficile per le truppe tedesche paracadutarsi.

I Soldati russi sono recintati in un quadrante separato. Coloro che sono morti nel 1945, “per salvare l’Ungheria dai fascisti tedeschi”, e quelli che sono stati uccisi nel 1956, “per salvare la nostra terra dagli attacchi anti-rivoluzione”, come va a dire la lapide. E questo è uno dei pochi posti a Budapest dove è ancora possibile vedere una stella rossa.
Lo scrittore Albert Pákh avuto una stella sopra il suo nome. Questo non significa sempre che sia il sepolcreto di un operaio comunista, ma rappresenta anche il simbolo ungherese per la morte, alla fine. Oppure Gyula Baghy, un poeta Esperanto, ha una “E” in una stella sulla sua lapide.

Lo scrittore Mór Jókai (1825-1904) si trova in una tomba molto semplice, come avrebbe voluto, circondata da un colonnato circolare, coperto di edera. All’interno dell’anello ci sono sculture di colombe sedute a circondare le parole di Jókai: “Lo spirito dentro di me, cammina con te, sarà lì tra tutti voi, mi troverete tra i vostri fiori, quando appassiscono, mi troverai nelle foglie, quando cadono giù, mi sento scampanio delle campane nella sera, quando muoiono lontano e quando ti ricordi di me, io sarò sempre in piedi da voi faccia a faccia.”
Attrice Lujza Blaha (1850-1926) si trova proprio dall’altra parte della strada, e il suo sepolcro è affogato da una folla di cherubini in lutto e un cantastorie circondano il suo letto di morte, con lei lì sdraiata.
Kerepesi temető
Mihály Károly, il primo presidente della repubblica ungherese nel 1918, ha questa tomba che è riparata da una tenda-struttura simile con un’acustica incredibile… Come una galleria acustica ma all’aperto, è possibile inviare messaggi segreti da un angolo all’altro. Si dice che la figlia di Károly è venuta a visitare la tomba, ma se ne è scappata in fretta, dicendo che sarebbe tornata quando tutte quelle ragnatele di copertura sarebbero stati rimosse.
Il poeta Attila József (1905-1937) si trova in una modesta sepoltura con la madre e la sorella, non lontano dall’imponente mausoleo dello statista Ferenc Deák. Le autorità constatarono che la sua morte era suicidio, e per come dichiara la legge ungherese che un corpo deve essere sepolto nella stessa città o zona della morte. Tuttavia, la Kisfaludy Society ha risparmiato denaro e ha portato il suo corpo a Budapest. Nel 1955, József fu sepolto nel Pantheon nella sezione dei Lavoratori, per poi essere spostato al suo posto attuale di riposo, dove una semplice pietra bianca segna quello che è, si spera, l’ultima dimora di uno dei più amati poeti di Ungheria.

Altre storie. Nei pressi del memoriale russo c’è la tomba dell’adolescente Mária Csizmarovits morta nella rivoluzione del 1849. Lei si travestì da uomo per entrare nell’esercito.
La prima donna Mari Jászai acquistò delle pietre dalla demolizione del primo teatro ungherese per utilizzarle come pietra tombale. Il teatro sorgeva all’angolo di Múzeum körút e Rákóczi út dove ora c’è un business center.
Trovate diversi salici piangenti a coprire la tomba di Vilma Hugonai, che divenne la prima donna medico nel 1903, sempre per parlare di donne.

Lasciamoci con un sorriso, in fondo. János Pásztor, uno scultore, ha usato la sua moglie come modella in molti suoi lavori di statuaria funebre. Potete vedere la somiglianza in statue sulla sua e molte altre tombe: del resto la donna aveva una figura particolarmente bella, specialmente per quanto riguardava i nudi scolpiti, presentando delle notevoli natiche arrotondate. Però ci fu una vedova che una volta trovò particolarmente sconveniente che suo marito poteva essere sepolto in vista di quelle nudità: lo fece quindi seppellire altrove.


Rispondi