Come non ci fossimo accorti che è un paese dimmerda dalla radice.

Ormai potremmo farci una voce sotto “amministratore di condominio”. Il mio è più pazzo del vostro.

Questa volta si è inventato due deleghe, alla riunione di condominio fatta mentre cantava il Boss a San Siro. Deleghe inesistenti ma messe lì tra quelle che c’erano, tra cui la mia, e non ha messo a verbale che io non volevo queste cazzo di telecamere e quella cazzo di porta basculante nuova a protezione dei garage (si sa: d’inverno il box auto se non lo ripariamo ha freddo) perché in quanto innovazione ci voleva la totalità e non la maggioranza dei condomini.

Ma ha messo a verbale che c’era la mia delega e quella del vicino che si opera dopodomani. Avrà pensato “tanto quelli hanno da fare: vuoi che se ne accorgano?”

[questo non è solo furbettismo del quartierino: è un po’ quel sistema Parma che ha portato il comune con un debito ENORME e un sindaco che fa le nomine su youtube, ora]

[siete ben strani voi parmigiani]

Ora però oggi mi sono incazzata talmente tanto per questa cosa (cosa ci faccio con delle telecamere di sorveglianza i cui nastri potranno essere visionati solo dalle Autorità in caso di denunzia e che in pratica mi costano come sei biglietti dei Muse? Ci corro avanti in camicia da notte urlando “modello Giuditta”? Non mi sembra il caso) che mi si è sputtanata un po’ tutta la giornata.

Non è che l’Italia il male è solo Berlusconi o i Banchieri. E’ che siamo un popolo che ha comportamenti di merda che andrebbero corretti corcando di mazzate al minimo errore la persona che sbaglia. Eccheccazzo.


0 thoughts on “Come non ci fossimo accorti che è un paese dimmerda dalla radice.”

Rispondi