Parla con me XV

Fran, ho letto i tuoi messaggi su Twitter… ti capisco. Sai, ho passato lunghi periodi di depressione molto forti nella mia vita. Ho perso mio papà nel 2007 improvvisamanente, mancò davanti ai miei occhi e da allora per un bel periodo ho esagerato con gli alcolici, mi son beccato tre querele e ho perso il lavoro. Ho visto mio zio materno che, malato terminale di AIDS con un linfoma e metastasi varie che a 35 anni cantava sul suo letto d’ospedale “nessuno mi può giudicare”, e nonostante fosse tutt’ossa e un unico spasmo di dolore, diceva che una volta guarito avrebbe voluto viaggiare. Non è stato per lui possibile. Al marito di mia mamma hanno diagnosticato un tumore che lo fa stare in ansia e paura, gli hanno asportato la tiroide e ogni volta che i valori sono sballati va nel terrore. Mia sorella(stra) di soli 16 anni, alla quale voglio un bene dell’anima, per via del fatto che i genitori non vanno d’accordo, soffre di tricotillomania e nonostante sia una personcina allegra e solare, deve già mettersi la parrucca, a sedici anni. La vita è una sola, chissà cosa c’è dopo, io per un certo periodo ho avuto il terrore di andarmene e pensavo a tutte le persone care che avrei fatto soffrire terribilmente. Pensa alle persone che ti amano, non meritano di perderti per un periodo di forte depressione. Tra un anno ci ripenserai e ti dirai… meno male che non l’ho fatto. Un forte abbraccio di sorella gobba, anche se non ci siamo mai conosciuti personalmente.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.