Il Rijksmuseum presenta una mostra sulle creature striscianti

Quest’autunno più di 1.000 farfalle colorate, ragni pelosi e rospi lucenti si aggireranno per il Rijksmuseum. In passato queste bestiole erano associate alla morte e al diavolo, finché artisti e scienziati, come Albrecht Dürer, Wenzel Jamnitzer, Antoni van Leeuwenhoek e Maria Sibylla Merian, non hanno iniziato ad apprezzarne la bellezza. La mostra, intitolata Onderkruipsels, illustra come questi piccoli animali hanno gradualmente acquisito una crescente popolarità nell’arte e nella scienza. Alla mostra sono esposte opere importanti ottenute in prestito da musei e collezioni private di tutto il mondo, come l’acquaforte recentemente scoperta nel gabinetto del farmacista e zoologo Albertus Seba, famoso in tutto il mondo, e la Testa di Medusa di Peter Paul Rubens (1617-18 circa). Ma la mostra si proietta anche nel presente con le installazioni degli artisti Tomas Saraceno e Rafael Gomezbarros.

La mostra Creatures sctriscianti (Onderkruipsels) sarà visitabile dal 30 settembre 2022 al 15 gennaio 2023 nell’ala Philips del Rijksmuseum. La mostra è resa possibile grazie alla Fondazione Don Chisciotte e al Fondo del Rijksmuseum.

Dall’orrore alla meraviglia 
Nel Medioevo le bestie striscianti erano associate alla morte e al diavolo. Si pensava che nascessero spontaneamente da materiali morti come letame, residui vegetali in decomposizione e fango. Nelle opere d’arte antiche, serpenti, rospi e lucertole sono una metafora del male e agiscono come complici del diavolo. Questa immagine cambia gradualmente nel XV e nel XVI secolo, quando gli artisti iniziano ad apprezzare l’estetica di queste creature che erano considerate come esempi della “bellezza della creazione di Dio”. Appaiono dapprima nei margini dei manoscritti medievali, per insinuarsi gradualmente verso il centro della pagina. La prima opera d’arte in cui un insetto è il soggetto principale è il disegno di un cervo volante realizzato da Albrecht Dürer nel 1505 (J. Paul Getty Museum, Los Angeles), che costituisce un pezzo forte della mostra.

Arte e conoscenza 
Nel XVI secolo, le creature striscianti diventano apprezzati oggetti da collezione nelle cosiddette wunderkammer, le camere delle meraviglie delle corti europee, ad esempio sotto forma di calchi di animali reali. La mostra espone i calchi più strabilianti e altre opere degne di nota provenienti dalla wunderkammer dell’imperatore asburgico (Kunsthistorisches Museum, Vienna). L’interesse cresce anche tra gli artisti e gli scienziati. Le bestie striscianti vengono allevate, scambiate, studiate, registrate e raccolte nei gabinetti naturalistici. L’invenzione del microscopio dà un forte impulso allo studio di queste creature. I ricercatori sono stupiti da un mondo completamente nuovo che diventa visibile per la prima volta. Questo porta, tra l’altro, a svelare l’enigma più grande: la riproduzione e la metamorfosi. In quell’epoca l’arte e la scienza non erano rigorosamente separate come invece lo sono oggi. Maria Sibylla Merian (1647-1717), ad esempio, intraprende un viaggio in Suriname per studiare e disegnare la metamorfosi degli insetti. Alcuni dei suoi disegni più prestigiosi, provenienti dalla collezione della Regina Elisabetta II, saranno esposti al Rijksmuseum quest’autunno. Intorno al 1650, l’interesse per le creature striscianti dà vita a un genere pittorico a sé stante, il sottobosco, i cui protagonisti sono rettili e insetti. L’inventore del sottobosco, Otto Marseus van Schrieck, alleva personalmente rettili, anfibi e insetti. Nel sottobosco arte e scienza si fondono, come è possibile osservare nell’ultima sala della mostra.

Creature striscianti
Negli ultimi decenni l’interesse nei confronti delle bestie striscianti ha subito una svolta. È aumentata la consapevolezza che questi piccoli animali svolgono funzioni ecologiche cruciali e sono essenziali per ogni forma di vita. Non solo nella scienza, ma anche nell’arte il rapporto tra l’uomo e gli altri animali viene esaminato con occhio critico. La mancanza di equilibrio nel rapporto tra uomini e animali viene messa a fuoco nella mostra attraverso la collaborazione con l’artista Tomas Saraceno. La mostra comprende una sala dedicata alla scultura ‘Gravitational solitary semi-social solitary Choreography LHS 477’ (2019), composta da quattro specie di ragni che vivono all’interno e intorno allo studio dell’artista. Insieme alla comunità degli aracnofili, Tomas Saraceno ha inoltre compilato una ‘Open Letter for Invertebrate Rights’ (Lettera aperta per i diritti degli invertebrati) (2020-presente), chiedendo che nel Rijksmuseum i ragni siano riconosciuti e rispettati. Durante la mostra, in diverse sale l’uso di aspirapolvere e di piumini sarà limitato per permettere ai ragni già residenti nel Rijksmuseum di tessere liberamente le loro tele.

Rafael Gomezbarros
Settecento formiche giganti dell’artista colombiano Rafael Gomezbarros sono esposte al Rijksmuseum, dal battiscopa al soffitto. Con ‘Casa Tomada’ (2008-presente), com’è stata intitolata l’opera, Gomezbarros richiama l’attenzione sul tema della migrazione e del trasferimento forzato. Le formiche simboleggiano l’impegno, la resilienza e la cooperazione delle persone costrette a lasciare le proprie case a causa di disordini politici, violenza, condizioni economiche o cambiamenti climatici. L’opera di Gomezbarros si inserisce in una lunga tradizione di artisti che utilizzano gli insetti come simboli per rappresentare questioni socialmente gravose e dare ad esse un significato.

Allestimento della mostra
L’allestimento delle mostre Clara il rinoceronte e Creatures striscianti, che si svolgono contemporaneamente, è stato realizzato dallo scenografo Theun Mosk | Ruimtetijd. Irma Boom ha curato la progettazione grafica della mostra.

Biglietti
I biglietti saranno acquistabili dalla fine di agosto sul sito web del Rijksmuseum. È necessario prenotare l’orario della visita.

Pubblicazione 

Crawly Creatures (Creature striscianti)
Jan de Hond, Eric Jorink, Hans Mulder e altri
Edizione olandese e inglese
216 pagine
24,5 x 32,0 cm
In brossura
9789462087552

Sostegno irrinunciabile
Il Rijksmuseum è grato per tutte le forme di sostegno che riceve. Sovvenzioni governative, contributi della comunità imprenditoriale, fondi, donazioni, lasciti testamentari e gli ‘Amici del Museo’ sono essenziali per il Rijksmuseum.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.