«… questo mese posso permettermi solo pasta e latte…»

Sono una di quelle persone che etichetta le persone appena le ha viste. Oddio, etichetta no. Solo che per modi di fare, di dire e di agire tendi a categorizzare le persone in grossi blocchi. L’adesivo è comunque rimovibile. Mi piace stare a sentire lo stesso una persona, non parto mai prevenuta ma declino dall’idea di partenza che ho ogni suo gesto ed ogni sua parola.
Oggi con il nuovo turno in corsia ho incrociato una ragazza, 1983 come me, che studia con me. Magrissima. La sua magrezza eccessiva che delinea ogni osso facciale mi ha sempre disturbato. Nella mia iconografia le persone devono avere almeno le ossa della faccia che non sporgono mentre masticano o deglutiscono… lei invece ha quella magrezza che coniugata ai vestiti che si mette me l’avevano fatta "inquadrare" come una di quelle ragazze eccessivamente attenta all’immagine. Una di quelle così fissate da una loro idea di perfezione da raggiungere che non si accorgono di essere così carine anche prima di fissarsi su quello.
Erano le dieci, io tentavo di svegliarmi dopo 4 ore già a spasso. Gli altri in pausa paglia. Al freddo.
«…che poi oggi è lunedì. I supermercati son chiusi. Dovrei fare spesa. Ora ci sono gli esami, non posso lavorare, questo mese posso permettermi di comprare la farina… la pasta, il latte, riso… fortuna che ho messo su 3 kili da Natale.»
Ho alzato lo sguardo.
«Ma almeno i legumi se non mangi la carne…? Sennò…»
«Legumi? io le scatolette come gli sfollati non le prendo…»
Riabbasso lo sguardo. I pantaloni di marca come le scarpe, rattoppate sugli alluci. Perchè ostentare se poi ti manca il necessario?

0 thoughts on “«… questo mese posso permettermi solo pasta e latte…»”

  1. Mah…io non ci vedo niente di male a mangiare le scatolette di legumi O_o Anzi,le uso spesso perche’ sono estremamente pratiche ed economiche e non sempre ho voglia di mettermi a cucinare.La gente e’ strana…

    JunoLoire

  2. eh,con tutti sti salumifici,prosutterie,caseifici,e industrie alimentari intorno

    per la prima volta ho visto li spaccio per i salami,e strade del prosiuto e formaggio.

    da non ci sono solo strade del vino e spacci per il vino.

    ma almeno ai questi spaci il carne e piu economica, come vino negli spacci?

  3. Beh, almeno questa una scusa per non mangiare ce l’ha, io conosco gente in evidente sottopeso che ti viene pure a dire che sta a dieta… (forse lo fa perché pensa di offendermi, visto che io tendo al rotondetto… boh…)

  4. e anche una tristezza bieca. Basterebbe mettere da parte l’eccessivo orgoglio (ossantocielo, quante scatolette consumo…). Ma mi sa anche di persona a cui nessuno tende una mano, anche solo per dire che mangiare legumi in scatola non è peccato e che lo fanno anche i pigri borghesi.

  5. pero dobbiamo tenere in mente che molte rage(non quelle di carattere forte come la nostra fran) di solito doppo molto tempo si ricordano solo come erano vestite,e tutte le altre cose,sopratutto quelle brutte,scordano.

    cosi quella collega della nostra fran doppo molto tempo si ricordera come era vestita quell giorno e scordera quella dieta forzata.

    anche se é vero che questo sembrano i sacrifici d`altri tempi.

    tutt altra cosa di quello che dice il cavaliere!!!

  6. Viola, qui si parte dall’assunto: “tzè, i legumi…”

    [oh, per cena io c’ho i ceci… comprati alla penny market una fame… cioè, io ho fame e il prezzo era basso]

  7. fran perche non pensi prima di dare i consigli!noi hai pensato ai effeti colaterali dei legumi!

    voi mettere la tua collega in imbarazzo davanti al suo fidanzato,in imbarazzo tipo quello della publicita di dolce&gabbana:)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.