L'influenza.

Sono a letto tutti, non potevo esimermi dal farlo io.
Allora, ieri pomeriggio mentre facevo la spesa e pesavo i cavolfiori sentivo che mi girava un po’ la testa. Ho pensato «sarà che son stanca…»
Verso le diciassette torno a casa e mi sento più rincoglionita del solito. Non riesco a fare operazioni primarie ma riesco ancora a capire che 25 alla zero da uno [quello al milionario, senza virus, non lo sapeva..]
Mi metto a letto. Sento il rialzo febbrile. Mia mamma ha deciso di mettermi addosso i petti di pollo surgelati un mese fa destinati alla mensa di oggi. Dopo cinque minuti erano belli e pronti da salare.
Poi da soli trentotto la febbre mi passa ad oltre quaranta. Il delirio mi fa visionare scene apocalittiche: vedo Gattuso ignudo fare lo stricker in camera mia tenendo la Champions per le orecchie. Decido di chiudere gli occhiucci santi perchè lo spettacolo è indecente… Ma lì sopraggiungono le allucinazioni uditive: Mancini piangente intervistato dalla Sanipoli che ringrazia la squadra dello scudetto… poi il presidente e la sua mamma.
Riapro gli occhietti. Rivedo Gattuso con uno strano tatuaggio sul coccige «Ve l’abbiamo messo qui»
Crollo sul letto rantolando semisvenuta [non so se fosse la febbre o le allucinazioni…]
Oggi sto mediamente bene, tranne quando faccio l’areosol e quasi svengo causa sinusite, ma è una cosa secondaria. Arrivederci.

0 thoughts on “L'influenza.”

  1. A me la tosse non se ne va,ma almeno non vedo piu’ Giurato e Maruzullo nudi,cosa che mi capita quando sono imbottita di Bactrim fino alle orecchie per via delle tonsille…-_-; Guarisci presto,ciccia :)

    JunoLoire

Rispondi