Wuthering heights.

L’esser donna come la moda comanda è biologicamente inconcepibile a volte. Quindi tra il corso di cucina al microonde e ceretta for dummies è stato creato un nuovo tomo di valore assoluto: Come camminare sui tacchi a spillo.
 
Visto che ormai non si è irremediabilmente fighe senza tacco di 12 cm [per Lapo Elkann basterebbe avere la nuova punto, ma è soggettivo] è stato stilato un vademecum su come indossare i trampoli.
 
Ah, lo sapevate che secondo calcoli matematici l’arco plantare non può supportare altezze superiori gli 11 cm?
Cioè, fare una guida alla portabilità del tacco è un qualcosa di assurdo. Io ho imparato ad andarci da sola, e contrariamente a chi porta solo i tacchi so andare con l’inzeppimento di qualsiasi altezza fino alla ciabatta. Non è che mi hanno fatto una sorta di scuola guida…
 
Perchè ve l’ho detto? Perchè io sui tacchi ci so andare, ma se li metto le mie amiche mi prendono a tortorate perchè dopo supero il metro e novanta.
[Sì, urge accompagnatore sopra il metroenovanta.]

0 thoughts on “Wuthering heights.”

  1. oddio meno male! mi ero immaginata le tue amiche con un uccello morto nella borsetta!

    o anche “avevo immaginato”. mi sono mancate le tortorate in fase di apprendimento. ;)

Rispondi