Destroy demonocracy.

Poi, magari qualcuno già l’avrà notato.
Quello che sarebbe il sottotitolo dello sglaps, storicamente, è cambiato quattro volte. Citizen Erased, Showbiz, Knights of Cydonia. E adesso Assassin. Però dopo aver messo la strofa conclusiva del primo, il bridge della seconda, la strofa conclusiva (mmm, in pratica) della terza qua sulla quarta ci siamo sbizzarriti.
 

Matthew Bellamy in Como

[Toh, che foto fescion del Matthew Bellamy a Como. Che poi, che ci avrà il lago di Como per meritarsi Bellamy e Clooney. Mah.]
Dicevo.
Appurato che il prossimo singolo da BH&R sarà Map of the problematique [secondo me ad occhio il terzo pezzo bello dell’album] possiamo fare un salto indietro.
Un po’ parecchio, forse. Nella tourneé americana, del 2005 vennero suonati tre pezzi. Uno era crying shame, bside di supermassive black hole, molto migliorata secondo me nella versione studio. L’altra era la versione primigenia di Exo-Politics, i nomi che giravano erano Burning Bandits o Bandit Song o Pee Candle. Qui è stato fatto un lavoro di re-editing sul testo, che era troppo politicizzato per riportarlo a quella che era la fissa per gli extraterrestri del precedente periodo Absolution.
Lo scempio da live a studio venne fatto con Assassin. Primariamente Assassin venne rinominata come Debase Manson Grog. E dovete capire, a noi fan di vecchia battuta piaceva assaje, anche perchè sia questa che MOtP hanno dei riff di batteria che sovrastano il resto del suonato in alcuni punti. E poi, era come dire… la versione extended del tutto.
Poi Assassin venne messa sul cd. Furono, lei ed Exo Politics proprio le due canzoni che misi in heavy rotation per sciacquare l’orecchio da Smbh. Mancava come il pane Debase Manson Grog.
Poi esce come singolo Knights of Cydonia, anche in UK dico. Nel vinile e nella versione digitale viene scelta una traccia chiamata: Assassin (Grand Omega Bossses Edit).
Non era un remix, era Debase Manson Grog, controllate bene perché ne è l’anagramma. Viene ripristinato il significato originario nel bridge, che è una sorta di invito alla ribellione allo status quo ("You’re not alone / But you must actualise / The first attack").

Poco udibile, ma visibile nel video dal KROQ inland invasion festival la parte in cui Wolstenholme grida "Aim, shoot, kill your leaders". Qui è la prima volta che è stata reintrodotta la versione estesa durante il tour [secondo me Assassin è erroneamente poco suonata, io del live vi metto quella dallo Shepherd Bush Empire, con la seconda strofa lievemente cantata diversa (un destroy cambiato con un kill down)]. La versione include alla fine la parte omessa, senza parte cantata ma solo quello che possiamo dire una parte solista di batteria.

mp3: Muse – Assassin (live Shepherd Bush Empire)

mp3: Muse – Debase Manson Grog (live in St Louis)

mp3: Muse – Assassin (Grand omega bosses edit)

[p.s. Il 26 febbraio su channel 4 ci sarà uno speciale, girato negli studi di Abbey Road di Beatlesiana memoria (già venne registrato metà Origin of Symmetry in quegli studi, per dire). Maggiori info qua sopra.]


0 thoughts on “Destroy demonocracy.”

  1. Lucia Mondella? (la Laura Mahler seicentesca)

    Disorder, io ero per Fra Cristoforo nei promessi sposi. La mMondella l’avrei gettata nel lego con una grossa pietra al collo.

    Infinitesimo: ecco.

  2. Infinitesimo, da una veronese che sta vicinissimo al lago di Garda ti dico: GRAZIE!!!

    Cara, sa che son passata davanti alle super mitiche strisce pedonali di Abbey Road. Primrose è un quartiere incantevole. Non si immagina nemmeno essere così vicino a Camden…

  3. peppermint_nicole: figurati. Ci pensa già abbastanza il capoluogo a farsi odiare dal resto della regione (non parlo di me) (Fran, scusami, non voglio fomentare fàide sul tuo sglaps).

  4. Muse-ic.

    [..] Vediamo di radunare le idee finora: Le cover e feeling good. Bliss. Citizen Erased. Le bonus track Showbiz. Invincible. Sunburn. Forced in. Plug in baby. Dead star. Assassin. [manca absolution, ops] [..]

Rispondi