Visto che passano di ogni: cerco lavoro part-time, zona Parma o zona casa. La mail è qui sotto.

Oh, la Blogfest di quest’anno è stata bella bella bella. L’unica cosa che è mancata, a mio modesto avviso, è un barcamp strutturato come l’adv camp la domenica dell’anno passato. Altrimenti rispetto l’anno passato è stato una figata. Mi sono divertita tantissimo e sono distruttissima, ma boh, è stato il perfetto completamento della settimana dell’anno, che mi ha riscattato di un treanni dimmerda.

Scrivere un resoconto quest’anno è difficile per diverse cose: come ben sapete ho il cervello piallato, quindi fatico a ricordare le cose. Ho anche i neuroni che si saturano. Faccio fatica a mettere gli eventi in fila. Sono stanca. Questa è una serie di scuse per farvi capire che sulla blogfest ci staranno una settimana di post, così non mi affatico a pensare altro e arrivo direttamente col parlare anche sul blog del tumblrmeetup, che se ci pensate bene parlare di tumblr su un blog è una cosa trasgressiva. In realtà aspetto anche tante foto così mi ricordo le cose.

Ma andiamo con ordine: Tarasconi in auto non rompe e non sporca ma filma la toilette del pupazzo Rodesindro. Non so se mai finirà online, perché devo chiedere l’autorizzazione al pupazzo, visto che è una cosa così intima e che viola la sua praivasi.
L’erbazzone della mamma di Tarasconi è buono, e ammortizza molto bene il prosecco Zonin.
L’albergo era mille volte meglio dell’anno scorso, sebbene se ti scappasse la pipì appena sveglio dovevi fare due rampe di scale per farla. Ma non si può avere tutto dalla vita: quello dell’anno scorso era in culo ai monti e aveva una puzza di fogna da svenire. Difatti per dormire l’anno prima dovetti cospargere la sciarpina di profumo e me la dovetti mettere sul volto tipo rapinatore.

La wifi: prendeva benissimo, tranne che il primo giorno il login da firefox non andava. E tranne che dalle 2 di notte in poi non fungeva, e quindi mi è servita la chiavetta. Ma direi che è stata un successone. Bravi.
Il tempo era bellissimo per la media dei giorni che ho passato a Riva negli ultimi due anni. Ora ho solo un po’ di mal di gola, ma cosa volete che sia? (tipo adesso stavo gracchiando al telefono con la tizia di Fatboy)

La gente: ho evitato benone chi mi sta sul gozzo. Ed ho conosciuto una persona a cui voglio benissimo e a cui ho ritirato il premio. Io a quel ragazzo lì, pur essendo a volte una merda, voglio più che bene. E conoscerlo è stata una cosa così bella che non so, è arrivato lì all’improvviso e non riesco ancora bene a dire quanto mi senta privilegiata e fortunata ad averlo incrociato lì a Riva. Ora mi capirà che è stato esteticamente più bello abbracciarsi Tom Smith, però ecco, è stato bello e fugace.
[la boccia di prosecco tua me la bevo io, ok?]

(continua)


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.