Everyone will see.

Incidentalmente stasera mi han detto ma tu esprimi cosa vuoi fare, come lavoro, come cose, sennò qui ti si crede medica e quindi ciccia.
Quindi butta qua e là cosa vorresti fare ed ecco.

Eccazzo, secondo voi 2357 post sulla musica vi danno una breve impressione su ciò che una passione che ho mi piacerebbe portarla parallelamente avanti a tante altre cose? No, perché sennò vi faccio un grosso cartello fucsia colle cose spiegate sopra.

Lo spiegone di oggi è circa uno dei miei artisti preferiti (li possiamo ridurre a tre quelli per cui ho un fanatismo più indecente) e che devo ancora vedere dal vivo. E questa cosa mi fa rosicare ed è anche un po’ dei motivi a cui mi aggrappo nel fare le cose.

[che vita triste] [come non l’avete pensato? Lo sto pensando io leggendo!]

Parliamo di Jimmy Gnecco. La mia opera di evangelizzazione gnecchesca (gnecchiana?) in Italia ha dei livelli che neppure i missionari in Africa ruppero così tanto i coglioni. Insomma, ci credo molto. E siccome l’ultimo post su di lui qui sopra era un anno fa esatto e ora legge molta più gente, ecco, vi tocca.

[attenzione, potrei toccare altri termini come "pogo molecolare" in questo post. Non so]

Ci sono gli articoli del SXSW che son bellissimi. Su diverse band, sono andati a intervistare gli artisti tirando fuori veramente qualcosa di unico, non le solite cazzate da Mollicavincenzo. Ma sono spaccati, sono schede, ci sono i sentimenti e i ragionamenti delle persone che vengono messe a nudo. Uno di questi è Jimmy Gnecco, e si parla sia di lui che degli Ours dopo che proprio ha tenuto grazie a Bright Antenna due show al SXSW (qualcosa c’è su youtube, dopo ve lo linko)
Gli Ours hanno questo "problema": hanno chitarre che fanno chitarre, rock che è rock popolare, niente melodie na-na-na-la-la-la, niente synth, ma roba che nazionalpopolarmente diremo di pancia. E un solista della madonna con una voce impareggiabile. Snocciolano giù date live come onesti lavoratori della musica, non sono particolarmente fighi orientabili per un pubblico di ragazzine, non presentano un sound di cui un dj può innamorarsi e là. Forse sono questi i problemi. Perché Rubin e la Dreamworks -fanno notare- ci han creduto in loro. Sì, cazzo, oggettivamente non crederci è da coglioni. Ma allora perché non sono lì ad aver fatto il salto verso il mainstream? Boh. Perché loro no e molti altri persi poi come gocce nell’oceano invece sì. Perché parliamo di signori che se la cantano e se la suonano dal decennio passato eh, mica sgarzolini.

Forse perché non erano negli schemi. Alle persone fa sempre paura ciò che non riescono a inquadrare. Non parlo solo di Musica. Parlo che a voi, ad esempio, se io non la penso come pensate voi posso starvi o sul cazzo o posso mettervi ansia. E quindi non capire se gli Ours erano/sono abbastanza rock, abbastanza pop, più metallari, più oratoriali o bla bla bla non li ha fatti "vendere" mai.

One complication, though, was that Ours were slightly ahead of their time and didn’t fit any of the existing models that record companies knew how to sell. “It created a lot of confusion”, Jimmy recalls. “People were like, ‘who is this little skinny guy singing falsetto over raging rock music. He’s not a metal guy, but he’s got all these tattoos; sometimes he sings like and angel and sometimes he’s a fire-breathing dragon – what’s going on?’

Poi c’è l’uomo gruppo che è Jimmy Gnecco. Intelligente. Simpatico. Mai sopra le righe, mai una dichiarazione cazzara o cazzona. Profondo. Con un vissuto mediamente incasinato (e quindi, diciamocelo, rivendibile benissimo al pubblico defilippiano) e anche simpatico. Difetti? Ha tatuato di tutto addosso. Ciò contrasta con l’immagine da bravo ragazzo. Ma trovalo un difetto. Forse quello che se c’è lui non si fuma (per me non è un difetto) (sì, ma sono fan) e che si tiene spenta l’aria condizionata, perché ha anche abbandonato il veganesimo e può comodamente venire a farsi ‘na bistecca come noi. Corre pure tanto. Cioè, dici, mamma mia. Almeno speriamo beva birra sennò mi sento in colpa per la mia dieta. Con, soprattutto, una voce della madonna: non è termine abusato. Oggettivamente è la miglior voce in circolazione. Una estensione vocale incredibile ma molto malleata sul rock. Quindi non una cosa semioperisticosbadigliata. No, questi acuti, questi toni bassi completamente pieni. Spiegare la sua voce è completamente impossibile, ma è come se nelle sue corde coesistessero Jeff Buckley [“Jeff and I became friends because we were cut from the same cloth”] e Freddy Mercury si fossero fuse a creare qualcosa di unico.
Un qualcosa che ti prende tra la bocca dello stomaco e la nuca e ti emoziona tantissimo. E tu un po’ se credi pensi che se Dio debba avere una voce dovrebbe essere come quella di Jimmy, e se non credi rimani lì in estasi dicendo ma guarda, maccazzo, ma questo con la chitarra e la voce che roba la biologia e io invece stono anche fratelliditalia.

E quindi? Quindi un cazzo. Pensatela con la vostra testa: avete internet e quindi dovete conoscere musica nuova. Non dico solo Jimmy, ce ne sono in giro, ma ora io vi introduco lui.
Su etichetta Bright Antenna tra Maggio e Luglio uscirà il suo esordio solista, The Heart.
 Acustico. Bellissimo, melanconico. Spacca, è da brividi. C’è un casino di sentimento dentro e te lo butta tutto nelle canzoni, che dalle orecchie ti passa alla pancia.
Io vi dico solo che quando sarà possibile prendere il vinile lo prenderò immediatamente. Totally worth it.

[e trattenetemi dal chiedergli di sposarmi la prima volta che lo becco dal vivo, vi prego, ho un’età]

(poi aggiungo video e mp3)
Mp3: Jimmy Gnecco – Mystery
Mp3: Jimmy Gnecco – The Heart
Mp3: Jimmy Gnecco – Someone to die for
Mp3: Jimmy Gnecco – Bohemian Rapsody


0 thoughts on “Everyone will see.”

  1. Hai detto delle cose giustissime su Jimmy. E io, che l'ho incontrato di persona e non gli ho chiesto di sposarmi perchè c'era mio marito presente (ma non mi sono lavata la mano che mi ha stretto per diverse ore!!), posso affermare che è una persona di una umiltà disarmante, schietto e schivo e se ha un pensiero te lo dice immediatamente. A me disse " Non posso credere che ci siano delle persone che da roma siano venute sin qui  (Olanda)per vedermi, è incredibile". E poi mi ha lasciato un poster autografato, cartoline, adesivi, insomma tutto quello che poteva darmi. A proposito il cd THE HEART è meraviglioso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.