Bastardi, ma vi voglio bene come se foste il ciuaua di casa (a.k.a: Matthew Bellamy smettila con Feeling good e facce Bliss)

Muse live at Frequency Festival
[For one moment I wish you'd hold your stage With no feelings at all]

Suvvia, eravamo tutti consci che Citizen Erased non l'avrebbe fatta. Ma qui sta diventando una questione tra me e loro: basta fare Feeling good. Se devi recuperare una canzone dal passato non recuperare una cover. Recupera New Born, recupera Bliss. Non recuperare Feeling good, maiala albina.

Ciao: vi abbiamo presentato l'unico problema del set dei Muse al Frequency Festival. L'unico. E dire che io inizialmente mentre Matt è comparso dal buio e ha iniziato con MK Ultra mi ero sorpresa e ho gioito, per poi sbroccare stizzita su Feeling good.

Set list:  1. MK ULTRA 2. Map of the Problematique 3. Uprising 4. Supermassive Black Hole 5. Stockholm Syndrome 6. Nishe 7. United States of Eurasia 8. Feeling Good 9. Resistance 10. Undisclosed Desires 11. Time Is Running Out 12. Starlight 13. Plug In Baby Encore 14. Interlude + Hysteria 15. Man with a Harmonica intro + Knights of Cydonia

Cosa dire: le più richieste erano Citizen Erased, Muscle Museum, Fury, Falling Away With You e Showbiz. Calcolando che la penultima non la sento suonare da eoni, Fury (io adoro Fury) era piuttosto improbabile ecco, una delle altre tre era fattibile. E invece no. Però ho notato che se chiedi Bliss la fanno ancora, forse per divertirsi anche coi synth, non lo so.

Il concerto è stato perfetto dal punto di vista suoni. Il Race stage aveva sì un impianto migliore rispetto al Green Stage, ma durante i gruppi precedenti qualcosa si stava perdendo nei suoni bassi. Invece non sentivo il basso di Chris così bene da eoni. Proprio che vibrava sotto la terra. Nessuna nota sbagliata da Bellamy.
Loro erano tutti molto rilassati. Matthew felice e molto trasportato nelle canzoni d'ammore. Chris ormai vederlo fumare durante Nishe fa un po' impressione, ma mi sa che ha iniziato per dimagrire, visto che ha molta meno panza di otto mesi fa.

I vestiti beh, stiamo migliorando. Tolta la tutina aderente modello cuki proteggi che lo costringeva ogni tanto ad aggiustare il gioiellame di famiglia (no, non guardavo specificatamente: era la telecamera dello schermo che cascava lì) il completo pseudo bouclé di Bellamy era guardabile. Vivaddio.

Per il resto non so che dire. Mi giravano i coglioni per 'sta setlist a pifferi ma, boh, era così suonato bene. Così convolgente senza che ti portasse sul palco fisicamente ma solo seguendolo mentre suonava. Così perfetto che dovevi riprenderti dallo stupore dicendo che sì, era una scalettadimmerda. Ma tu intanto stavi lì con gli occhi a cuore, perché ti sei visto un concerto dei Muse senza che nessuno ti facesse da zainetto addosso ma con altra gente che saltava e urlava le canzoni stonandole con te. Gente che si annoiava un po' con USOE eh, quindi figurati se avesse fatto qualcosa ancora più lenta. E' stato un concerto così coinvolgente che mi sta facendo pensare che forse è meglio continuarli a vedere ai Festival, perché più habitat dei tre del devon più Morgan. Morgan che è sempre meno nascosto e la cosa mi rende contenta.

Seriamente, è stato un concerto che mi ha reso proprio felice dentro. Piena. E i giorni dopo era difficile fare i paragoni se il termine erano loro. Miglior band dal vivo su un palco, non ci sono cazzi. Fine.


0 thoughts on “Bastardi, ma vi voglio bene come se foste il ciuaua di casa (a.k.a: Matthew Bellamy smettila con Feeling good e facce Bliss)”

  1. condivido ogni cosa di quello che hai detto, in pratica.
    ps: se hai visto degli occhialini luminosi sollevati in aria (sì, un ottimo modo per prendere per il culo il Bellamy), sappi che ero io.

  2. Se siete quelli del cartellone della porchetta siete degli idoli anche secondo me!! :-D
    Riguardo la performance io guardando vari video in giro per la rete (purtroppo riesco a farmi solo un concerto ogni morte di papa, accidenti alla stupida geografia italiana e ai soldi che non ci sono) mi sono fatta l'idea che sia migliorato incredibilmente, nel corso degli anni.
    Si vede che è passato da ragazzino scassachitarre a musicista professionista. A parte i soliti difetti (che mi sa che avrà sempre perchè ho notato che li ha anche quando parla e sarà difficile correggerli, visto che ha 32 anni ed è abituato a cantare così), devo dire che si assesta su un livello più che dignitoso, considerando che è autodidatta :-D
    Kira
    P.S: organizziamo un esercito per andare a costringerli con la forza a fare citizen? :-P

  3. Oooooh, noto con piacere che stai ricominciando a fare pace col terzetto devoniano, scaletta live permettendo.
    A proposito della supertranquillità con cui Bellamy e soci si sono esibiti al festival in questione, vorrei citare una massima di mio padre che mette l'accento su come sia importante, sopratutto per i maschietti , una piena soddisfazione sotto le lenzuola per una resa impeccabile sul lavoro: "L' uomo lavora bene solamente quando ficca"

  4. Beati voi che eravate lì!! Io ho persino provato a barattare  il concerto di Renato Zero a Roma di fine settembre (guardate con chi vivo!!), ma le orecchie dell'uomo in questione erano completamente chiuse!!

    Va beh sarà per la prossima volta!!
    Mi togliete una curiosità stupida…. visto che ha ritrovato l'amore canta ancora "since I lost you" in Map?

    Ciao

    Roby

  5. evviva il Matt che ci si ripiglia!!!!!

    Mitico striscione della porchetta, anche se non ho mai capito cazzo c'entra. Però mitico lo stesso!!!!!

    Ciao ciao

    Silvia

  6. Come festival quest'estate li ho visti in Belgio, al Rock Werchter, e speravamo in Citizen ma hanno fatto Bliss per cui felici come culi lo stesso, e francamente anch'io ho fatto il tuo stesso pensiero: i Muse rendono al meglio nei festival. Erano rilassati, si divertivano, hanno eliminato le canzoni pallose (bè, quasi tutte). Matt e Dom scherzavano con il pubblico e tra di loro come non li vedevo fare da un pò (un aneddoto tra i tanti: Matt a fine concerto ha lanciato il plettro a un tipo. Ha scagliato il tiro, perdendo il plettro, così si è cacciato a ridere, è corso all'asta del microfono, ha messo le mani a cucchiaio, ha preso tutti i millemila plettri che ci tiene di solito e poi è corso di nuovo verso il pubblico e ha iniziato a distribuirli. Io ero così O_O Ovviamente, io ero nella transenna dall'altra parte -.-).

    Lennie

Rispondi