E ora facilmente scoprite che la mia fanciullezza fu televisivamente monopolizzata da Limiti e Bonolis.

Ora vorrei farvi un lungo pipponzio su come le signore di colore dalla avvolgente voce siano tutte fuori come una begonia dal poggiolo.
Ma se vi parlassi anche della pazzia di Nina Simone (un giorno dovrò parlarvi anche di quella di re Giorgio, che era porfiria) mi brucerei un post, che invece posso comodamente fare un altro giorno dimostrandovi quanto le trasmissioni di Paolo Limiti mi abbiano profondamente segnato da piccina.
Tanto da chiedergli amicizia su facebook nel 2010.
Eh. Sorvoliamo. Una cerca di farsi tutto il curriculum della ragazzina ai concerti indie e poi segue la musica vecchia.

Un passo indietro.
Mentre i parenti già litigano sull'eredità come dei Vianello qualsiasi il Guardian ha detto: "Etta James soffre di demenza e leucemia"
Sperando che la signora veda morire prima le sanguisughe di lei ho affermato: "beh, quindi la novità è la leucemia".
O perlomeno spero che affetti i maroni al parentado fino all'ultimo dei di lei giorni. Dajè vecchiè.
Jamesetta Hawkins, diciamocelo, oltre a quella meravigliosa voce da contralto ci ha anche un caratterino che te lo raccomando. Esempio: Beyonce (nella foto quando rappresentò proprio Etta nel film con Adrien-naso-Brody Cadillac Records -film con momenti yawnduepalle ma tutto sommato guardabile e con però una soundtrack da ahò scanzete ne facessero ogniddì- del 2008 reduce da quella dieta sololimoneapranzocenaecolazione che la fece smagrire dibbrutto) a Seattle nel gennaio 2009 sbroccò come se fosse una Winehouse qualsiasi -forse per quello amiamo anche quella fattona dimmerda?- dicendo “Avete presente il Presidente? Si quello con le orecchie grandi? Beh non è il mio Presidente… E quella donna che ha cantato per lui, cantando la mia canzone, dovrebbe avere il culo frustato. La grande Beyonce (sarcastico), non la posso sopportare, ha cantato la mia canzone, quella che io ho sempre cantato e portato al successo”.

Poi due secondi dopo ha detto che scherzava, rosicava (forse era anche un po' stata fraintesa, non so, l'età è quella) ed ha deto "no, beh, è il mio alzheimer, ogni tanto fa così".
Un po' come l'anziana media che gira nelle città, è un po' gattara, un altro po' brandisce l'ombrello e spaventa i piccioni e non solo. Così.

Cheppoi rosicare per At Last, è come se Albano Carrisi sbroccasse per Volarenelbludipintodiblu. Non è sua. At Last è una canzone scritta nel 1941 da Mack Gordon ed Harry Warren. Fu originariamente interpretata nel film e registrata da Glenn Miller poi da Nat King Cole. Infine nel 1960 fu registrata da Etta James, che impovvisò sulla melodia di Warren ei l brano diventò uno dei popolari della James e la sua la versione più conosciuta, dal tanto successo che ebbe. Ma poi negli anni, ad esempio, ne ha fatta una cover anche Celine Dion, Norah Jones, la Aguilera, Cindy Lauper e Stewie Wonder. Chiunque. E sicuramente sarà stata maltrattata anche in qualche X factor a caso.

Voi però andate a sentirvi All I Could Do Was Cry e (soprattutto) I'd rather go blind per farvi un'idea di quanto ci mettesse anima e interiora a interpretare le canzoni. Ah. Sospiro.


0 thoughts on “E ora facilmente scoprite che la mia fanciullezza fu televisivamente monopolizzata da Limiti e Bonolis.”

  1. Etta James un contralto? Sicura? A me sembra un mezzosoprano…
    Comunque le interpreti nere hanno sempre avuto una marcia in più, secondo me *__*
    Kira

  2. Scusa, non volevo :-(
    La questione contralto/mezzosoprano è parecchio spinosa e quando si parla di voci nere lo diventa ancora più.
    Le classificazione sono sempre una croce… -___-
    Kira

  3. Wikipedia dice di lei "canta in un registro di contralto con ampia estensione
    vocale", quindi mi sembra una citazione esatta.
    Graziella2204

  4. Vabbè, ma wikipedia definisce contralto anche molti mezzosoprani (anzi, a volte usa il termine "contralto" come sinonimo di mezzosoprano), confonde le ottave, sbaglia nel riportare le estensioni…
    Per classificare un contralto si dovrebbe considerare non solo la sua estensione, ma anche il modo in cui prende le note (per esempio, si dovrebbe sentire quanto volume ha sui bassi, sul do sotto il do centrale del pianoforte), come prende l'ottava centrale e molto altro.
    Sono sempre molto in dubbio quando mi dicono che una cantante è un contralto (sono rari), per questo ho posto la domanda.
    E' anche possibile che io tenda a considerarla mezzosoprano per tutto un discorso complesso che non sto a fare perchè vi annoierei tutti che mi fecero qualche tempo fa per cui è davvero, ma davvero difficile trovare contralti, e quindi tutto ciò mi ha porta a dubitare quando vedo questa classificazione… insomma, in questo caso, più opinioni si sente, più si impara :-D
    Kira

  5. Mah, mi tolgo da questa diatriba sulla classificazione delle voci dal momento che, a parte Kira, ne so quanto voi e non vorrei aggiungere qualche cavolata, però sbroccata o no, Etta James non aveva tutti i torti a prendersela con Beyoncè, non fosse altro perchè nel film dedicato alla Cadillac Records, l'ex prima voce delle Destiny's Child l'aveva resa trooopppo " leccata" e dunque troooppo, ma trooooppo lontana da quella che era in realtà la ruvida jazzista prestata al soul.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.