Tipo quei film con la serrata delle fabbriche e la morte sociale cittadina.

A me quello che viene da ridere che alle conferenze sul turismo si parla tanto di crisi, la Crisi, le robe e poi c'è gente che dice robe che io in ultima fila ho commentato: "ma manco per il cazzo" e temo mi abbiano sentito alcuni vicino.

Ho questo problema di essere diretta, a volte.

La cosa suonava tipo "ma d'estate è normale che a Parma non venga nessuno perché la gente va in ferie, quindi il periodo da giugno a novembre non lo consideriamo".

Da Giugno. A Novembre.
Certo, chi non si fa i tre mesi fissi al mare in casa in Versilia. Tutti ormai. Proprio il periodo giusto, signora mia. Poi io non capisco, cioè, non può essere che io a luglio venga a parma due giorni per un week end arte e cibo? No? E però trovo chiuso. 4 mesi di ferie e al mare. Che schifo visitare le città eh. Infatti Parigi, Vienna, tutto chiuso eh.

Fatico a capirvi, perdavvero. Un popolo secondo cui le vacanze esistono solo d'Agosto. E anzi: lì se non le fai non sei un forzato, ma un pezzente. Bah.


5 thoughts on “Tipo quei film con la serrata delle fabbriche e la morte sociale cittadina.”

  1. Che poi non è neanche vero che d'estate tutti lascino le città per affollare i piccoli centri di villeggiatura; a Gaeta quest'anno ad Agosto c'erano tutti gli stabilimenti sguarniti di bagnanti e soprattutto non c'era neanche così tanto traffico…..

  2. Il problema di questo paese è che, nonostante potrebbe campare di turismo, non lo valorizza per niente. E' un settore che  non è considerato socialmente. Nessuno lo percepisce come un'importante fonte di guadagno e di occupazione dato che, al contrario di altri settori, non è una cosa "esternalizzabile". Invece no!Quando dici che studi o che lavori nel turismo, ti ridono addosso quasi. Da me nel vicentino poi AHAH!Città patrimonio dall'UNESCO e valorizzazione del turismo inesistente. Almeno fino a qualche anno fa, quando ancora speravano di poter dare un futuro al secondario (LOL). Ora si sono un attimo svegliati, ma ci sono ancora cose assurde tipo altari delle chiese depredati dai visitatori perchè non ci sono sorveglianti o cordoni di sicurezza.

    Poi ecco, la gente tende a pensare che le vacanze siano solo mare-spiaggia-sole. Come si fa a dire che una città d'arte non può campare da giugno a novembre?C'è gente che si interessa anche di cultura ed enogastronomia, eh!Vabbè.

    (scusa per sto saggio, ma hai toccato un tasto per me dolente :S )

    Sara

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.