Ululare alla luna.

Sto fissando da mezz’ora l’anta kalsebo della cucina per non incazzarmi.
Ora mi passa eh, con calma, però ecco uff.

Anzitutto una la mattina s’alza e vede la conferma di quello che aveva nasato. Carampane: ci riesumano Rex. Ora, ve lo confesso, io e la mia amichetta Francesca da piccine si seguiva Rex. Abbiamo pianto come due vedove vedendo Rexuccio con la zampina lì a toccare il corpo senza fintavita di Tobias Moretti e poi abbiamo convenuto assieme, guardando gli episodi successivi, che Gedeon Burkhard era mediamente bono. Anzi, cavate di torno il mediamente. Qui se ne dedicarono diversi post di orgoglio adolescenziale, capitemi. Praticamente passavamo i venti minuti prima di tornare a casa a discutere di ciò, anche di ciò [oltre che a sparlare degli altri, scusate ma era la cosa che mi riusciva megl… ehm, tutt’ora ora che ci penso…].
Ora scopri che riesumano Rex, lo girano a Roma e il poliziotto assistente del pastore tedesco lo fa Kaspar Capparoni, a cui trovo un solo grosso pregio: ho visto il suo cane e mi ci sono innamorata (del cane eh, tendo a specificare e sottolineare eh). Però sta cosa mi mette tristezza. Sarebbe come riesumare dalla naftalina Uan e Four e fargli fare un programma con Mastrota e Marco Liorni, con Four che mi vende la batteria di pentole al posto della gnocca e Uan che sostituisce Platinette come opinionista del grandefratello berciando contro Floriana. Non so se mi capite, forse no, ma fatemi scrivere così non penso all’incazzatura.

Ma non è ciò che mi ha fatto incazzare. Anzi, mica so se scriverlo, perché purtroppo mi è partita la sign in email da quanto ero incazzata e c’è la mia uerreelle sopra. Però posso dire solo questo: non farò gesti avventati perché Taormina costa troppo e io ho Gnappo sotto casa. Ma io a lavorare con alcune donne mi ci trovo ehm non molto benebenebene. Ovvero, dimmelo che non gliela fai, perché se io ti considero come se fossi normale dopo perdiamo tempo in due eh. Son cose, ma anche no.

0 thoughts on “Ululare alla luna.”

  1. credo che four sia una delle poche icone anni 80 che non venga ciclicamente riesumato dai riesumatori di cimeli e simboli anni 80. lui era grandissimo. e se poi si pensa che uan era molto più famoso e luccicante, si può anche dire che four fosse un prodotto di nicchia. four è stato un vero personaggio indie della mia infanzia.

    ma che sto dicendo?

  2. Ciccio: quando son nervosa metto le virgole a profusione. Dici che ne ho scazzata qualcuna? (no, è che non mi rileggo)

    Rafaeli: coraggio. Ci sarebbe da fare una campagna per Four, magari metterci in 4 bloggherz e fare un 4forFour (ossignoresanto)

  3. capisco il tuo disappunto: è come quando fecero il sequel di “tequila e bonetti” all’amatriciana, portando jack scalia da malibu a torpignattara e al posto di mariska hargitay ci misero, ehm…alessia marcuzzi.

    pessimismo e fastidio.

  4. Non so perchè, ma i “remake” di vecchi film, o vecchie fiction,mi mettono dentro una tristezza infinita, soltanto per il fatto che pretendono di ricreare delle situazioni che non tornano più, che non possono tornare più; il tempo tiranno purtroppo ci cambia tutti e cambia tutto e non è detto che quello che andava in voga dieci, venti trent’anni anni prima sia OK adesso…Penso al rifacimento de “La freccia nera” andato in onda in TV di recente;io mi ero fatta due palle così a guardare solo dieci minuti della prima puntata, e pure mia madre, che aveva visto la versione primigenia del polpettone(A.D.1969!!!), non faceva che sbadigliare.

    Fra1977

  5. Fra1977: la recitazione mucciniana di Martina Stella poi peggiorava il tutto. Una pena, ressi quaranta e dico quaranta secondi. D’accordissimo.

    Giorgia: ossignore, lo ricordo anche io. Brrr..

  6. postilla su gedeon burkhardt: ha il naso uguale a quello di un mio amico, ed è l’unica cosa che riesco a pensare ogni volta che lo vedo.

    lo so che voialtre/i guardate altra roba oltre al naso, ma a me ‘sta cosa che ha il naso come un amico mio dà un fastiiiiiiidio…

    (sì, lo so, non sono normale.)

  7. Giorgia: la nobildonna Ari mi fece notare questa mia fascinazione verso gli uomini con una nasca tanta. Io giuro che non l’avevo notato.

    Ranmaz: nu, mi è passata (sbollisco facilmente)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.