Siamo tutti un po' decadenti.

Io quando si parla sempre che i giovani non sono più quelli di una volta ‘sta cosa non la capisco.

Due sere fa al Tg5 [io di norma ormai seguo il tg1, ché mi garba la scenografia e ché invitano sempre qualcuno per fare qualche marchetta. Tipo, iersera c’era il titolare lì della focacceria San Francesco di Palermo, e lì mi sono ricordata che siccome mi fecero aspettare per la focaccia qualcosa come venti minuti e non mi avevano strappato lo scontrino della bottiglia d’acqua io ne presi due, di bottiglie d’acqua, pagandone una. Friullillì….] c’erano questi giovani incazzati contro Fioroni.
Ora, io che da piccina vedevo Fioroni entrare nella sede della DC del palazzo di fronte li capisco.
Ma questi giovani incazzati e rivoluzionari come si è da giovani (chi, di noi non ha fatto lo sciopero credendo fermamente nei principi scioperativi e facendo conseguentemente sega/tela/nonsovoicomelachiamate ma solo come mera conseguenza dello sciopero in cui noi credevamo) hanno fatto benissimo capire che ora come ora la scuola è un troiaio.
Inquadrano una ragazzina ed ella esclama: "… beh, i nostri edifici sono decadenti…"
Decadenti?
Significa dire che D’Annunzio era un rottame?
Diobono, fatiscenti, pericolanti, vecchi… Io non lo so, quando sono nervosa e mi si azzera il quoziente intellettivo uso i soliti aggettivi-pronomi-lemmi da deficiente, tipo brutto, bello, freddo, caldo, rotto, sporco, sozzo, cacca, pipì, pupù, pappa, mamma, bua.
Come cazzo ti viene in mente di dire decadenti?
A ‘sto punto accettavo meglio se avesse asserito un old fashion, vi dirò.

Avevo una voglia di tirarle uno Zingarelli sul collo solo per puro spirito rivoluzionario ma anche un po’ decadente.

0 thoughts on “Siamo tutti un po' decadenti.”

  1. “I nostUi edifici in Uealtà sono UudeUi schiettamente volgaUi, signoUa mia. La decadenza già saUebbe una tUoppo alta onoUeficienza da assegnaU loUo. E oUa mi lasci andaUe che devo bigiaU… volevo diUe, devo andaUe a manifestaUe. AUUivedeUla…”.

    Proprio non ci sono più gli stupidenti di una volta u_u

    (oé, io disimparo a parlare appena apro bocca, non posso stigmatizzare codeste cose)

  2. Magari sono gli edifici ad essere come d’Annunzio…

    Che gli manca qualche costola e poi, sul più bello, si abbassano sui piaceri, cioè sui poveri studenti fatiscenti.

  3. sacrosante parole!!!

    Questi Giovini… ieri ne ho visto un gruppetto farsi pure le sigarette truccate (alle 4 di pomeriggio) al campetto di calcio…

    Sono proprio cambiati i tempi…

    Non che noi le siga truccate non ce le si facesse, ma alle 4 di pomeriggio… Poi non stupiamoci degli aggettivi che usano…

    Spezzando una lancia in favore di noi ex giovini rampanti… noi figli del Dio successo e Denaro… comunque qualche ideale l’avevamo… discutibile… ma ci si sbatteva per qualcosa… non solo le siga truccate intendo… e non fate ironia sulla cocacola… quella davvero non sapevamo cosa fosse… ma davvero!!!

  4. A dire la verità nè io nè i miei beneamati compagni di classe abbiamo mai creduto fermamente in sti fantomatici principi scioperativi… di quello si occupavano i liceali. Noi ragionieri, più semplicemente, ringraziavamo San Bitter dello sciopero e andavamo al bar oppure dritti a casa. Di sicuro non rilasciavamo interviste al tg5! ;-)

    Luci

  5. è l’effetto moratti, temo. a furia di inculcare le “tre i” si son dimenticati il resto dell’alfabeto.

    la scuola è diventato un parcheggio: siccome non c’è lavoro, li si tiene lì alla bell’è meglio per più tempo possibile. la reintroduzione degli esami a settembre è sacrosanta, come spiegavo a casina mia, ma rischia di scombussolare questo precario equilibrio per cui non c’è disoccupazione se i giovani studiano (?) invece di cercar lavoro…

    noi scioperavamo contro reagan, vedi te :p

  6. Eppoi dicevano a noi, bollati come generazione X, che eravamo ignoranti…. se sono così “zapponi” i nostri “fratelli minori”, chissà i nostri figli :(

  7. Beh ma dai, nel mondo fatto dai 3msc (e guai a dire una vocale!), dal linguaggio smsessese spinto, dall’inserimento della k nel nostro alfabeto, e’ gia’ un miracolo scoprire che qualche giovIne sappia la parola ‘decadente’ °°

    Che poi la usi pure nel modo giusto e’ pretendere troppo **

  8. l’altro giorno su mtv c’erano dei giuovani che discutevano con Fioroni. Una ha detto all’incirca: “io studio in una scuola PRIVATA SERIA, dove i professori sono controllati dal preside, mentre nella scuola pubblica non c’è serietà”

    Mi piace quando le persone non escono dal recinto e si raccontano quello che vogliono del mondo esterno, cosa che fanno anche dei colleghi di medicina che passando 24 ore tra univ e reparto (fanno bene, eh!) si convincono che fuori non ci sia niente e soprattutto nessuno

  9. http://conta

    [..] Oggi, per me, è cominciato un ponte … che sembra un viadotto. Ma non sia mai che mi dimentichi del mio lavoro. Specialmente dopo che la collega di matematica, inorridita, mi ha messo sotto il naso un "all’ineate"(sic!) tratto dal c [..]

Rispondi