"Fa bene almeno se ne scrive, che esterna".

Principalmente credo che il mio grosso problema è che nella mia idea io già dovevo essere morta e invece no.

In questi ultimi giorni credo che stia dormendo poco e nulla, a livello tre ore se tutto va bene. Non riesco a dormire deliberatamente e quando ci riesco mi sveglio con un senso di angoscia. Del resto, sono di quel partito (poi scoperto numeroso) delle persone che prendono gli ansiolitici con la caffeina. La cosa bella è che siamo tanti, e non capisco perché. Cioè, io lo capisco perché per quanto riguarda me ed altre persone di cui conosco le cose. Ma ogni volta che vado dal medico mi fa: "la vedi la fila qui fuori? questi non ci hanno mica nulla. Questi sono messi anche peggio di te, vengono qui per essere rassicurati, mica hanno nulla, solo così, disagio esistenziale"

Mh, il disagio esistenziale che fa arrivare spesso i treni in ritardo.

In realtà sono molto migliorata: non mi va più di ammazzarmi, perché in realtà so che mi andrebbe male in tutti i modi. Quindi meglio stare a letto, senza reagire, fissando il soffitto, immobili.
Alla fine a me spiace che a voi che mi volete bene, perché sennò io boh, son sulla via della vegetalizzazione. Non me ne frega più un cazzo. Non trovo motivi per cui esaltarmi. E non ne esco, ma sinceramente non so se sia un problema.


0 thoughts on “"Fa bene almeno se ne scrive, che esterna".”

Rispondi