Barack indieboy.

Perché la campagna elettorale la si fa anche sulla musica. Questa è la 2012 campaign playlist su Spotify del team Obama.

Sappiamo che il presidente Obama è un grande appassionato di sport, ma ha anche avuto l’appoggio alcuni musicisti di alto profilo sin dal suo avvento sulla scena e verso la corsa alla Casa Bianca – si pensi Lil Wayne e Jay-Z, per esempio. E ora è tempo è di iniziare a lavorare per la sua campagna per la rielezione, sicché lui, insieme al suo team di fiducia, hanno formulato una playlist intrigante su Spotify in concomitanza con la prossima corsa. La playlist include inoltre il nuovo singolo di Bruce Springsteen ‘We Take Care Of Our Own'[Bruce, intanto, ha preso una sezione di 5 fiati per sostituire Big Man. Compreso il nipote Jake Clemons], e il pezzo di Al Green ‘Let’s Stay Together’, di cui Obama ha recentemente cantato un pezzetto in un evento a New York.

01 No Doubt – “Different People”
02 Earth Wind & Fire Experience feat. Al McKay Allstars – “Got To Get You Into My Life – (Live)”
03 Booker T. & The MG’s – “Green Onions – Single/LP Version”
04 Wilco – “I Got You”
05 The Impressions – “Keep On Pushing – Single Version”
06 Jennifer Hudson – “Love You I Do”
07 AgesandAges – “No Nostalgia”
08 Ledisi – “Raise Up”
09 Sugarland – “Stand Up”
10 Darius Rucker – “This”
11 Arcade Fire – “We Used to Wait”
12 Florence And The Machine – “You’ve Got The Love”
13 James Taylor – “Your Smiling Face”
14 REO Speedwagon – “Roll With The Changes”
15 Raphael Saadiq – “Keep Marchin’”
16 Noah And The Whale – “Tonight’s The Kind Of Night”
17 Zac Brown Band – “Keep Me In Mind”
18 Aretha Franklin – “The Weight”
19 U2 – “Even Better Than The Real Thing”
20 Dierks Bentley – “Home”
21 Sugarland – “Everyday America”
22 Darius Rucker – “Learn To Live”
23 Al Green – “Let’s Stay Together”
24 Electric Light Orchestra – “Mr. Blue Sky”
25 Montgomery Gentry – “My Town”
26 Ricky Martin – “The Best Thing About Me Is You Feat. Joss Stone”
27 Ray LaMontagne – “You Are The Best Thing”
28 Bruce Springsteen – “We Take Care Of Our Own”

Dall’altra parte comunque non si risponde ancora, ma il photoshop è sempre aperto per il LULZ:

(via) E c’è da dire che è molto rotfl. Anche se io rido tutte le volte anche per la storia del cane legato sul tettuccio, ecco. [Sì, seguo Lettermann]


4 thoughts on “Barack indieboy.”

Rispondi