La solita rubrichina per musicalmente ciompi, in velocità.

Ho questo piccolo problema: fatico a vedere i frontman delle band che mi piacciono come fighi-dal-punto-di-vista-sessuale. Anche perché la mia band preferita sono i Muse (UN MOMENTO?! Per gli Editors sì che lo penso, ma ehm) e capite che ok, va bene che in Madness è ripreso ed inquadrato come se fosse materassabile, però ecco. Stessa cosa per Brian Fallon dei Gaslight Anthem (quanto ve le ho rotte coi Gaslight Anthem?): tanto carino, tanto orsacchiotto ma ecco, ehm. Fa caso quindi vederlo fidanzato nel video di Here comes my man con Elisha Cuthbert: sia perché la prima volta che ho sentito questa canzone ho pianto come una donna in crisi ormonale (non è detto che non) sia perché ho in mente la moglie di Brian ed ecco. Ehm.[Poi ecco, era già apparsa nel video dei Weezer, “Perfect Situation” nel 2006 e nel video di Paris Hilton per “Nothing In This World”, ma ehm. Magari ricordiamocela solo come figliola di Jack Bauer in 24]

L’altra cosa figa che è uscita fuori (e che mi ha fatto scoprire che Liberation ha una parte magazine molto interessante che non conoscevo) è il nuovo EP di Andrew Bird (che viene in Italia il mese prossimo, Magazzini Generali, ci vediamo lì) in streaming. Le notizie in francese sono capibili, ma ecco: è stato registrato per metà in una chiesa e per metà a casa. Figo. Anche perché sapete che la musica di Andrea l’ho sempre definita come per gente intelligente. Vah.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.