Qui ci dovrebbe essere un titolo.

Io ve lo dico, chi volesse ammirare attraverso i propri timpani il ciddì dei Muse può farlo su myspace, ove il simpatico player vi farà ascoltare tutto lo streaming di Black Holes and Revelations.
Ah, già, approposito. Avete scoperto i Muse solo ora perché io vi ho fracassato le palle? Ora Feltrinelli fa uscire tutti i cd a 10,50. Io vi consiglio spassionatamente due cd: Hullabaloo (secondo me imperdibile) e quello che è ancora il miglior album dei Muse, difficilissimo nel primo ascolto ma poi molto creante dipendenza, Origin of Symmetry. Qui già vedo che mi premierò con qualcosa ;)

Altro ascolto da segnalare nuovamente (io, vi dirò, l’ho scoperto assieme alla Ari perché Paolino è bono come il pane. ) su myspace è quel gran pezzo di gnocco di Paolo Nutini. Che il Sofri bloggante lo abbia scoperto dopo che noi lo si avesse adocchiato a Dundee è un’altra storia.
[io per stoqui ci ho un carampanismo pseudoadolescenziale condito da pensieri molto adolescenziali che prevedono l’uso di mappature anatomiche che non è bello stare a riportare, insomma. Però mi trovo a cantare ululando "when yooooou loooovin’meeeeee iiiiiiiiiiii loooooving yooooou" e non è un bello spettacolo.]

Altre cose: gli Editors. Forse coloro che amano e stimano gli Interpol già li conosceranno, oppure tutti coloro che danno occhiate alle mille cose che scrivo in giro. The back room è un buon album, forse non innovativo, forse non geniale ma ben suonato e ben cantato. Belli i video, specie quello dell’ultimo singolo Blood che fa molto "studiamo-l’apparato-circolatorio". Il riff iniziale di All Sparks mi ricorda tantissimo gli Air ed è la traccia che assieme a Leaving so soon dei Keane sto facendo suonare massicciamente al mio portatile. Se volete avere una panoramica completa dei loro lavori potete tranquillamente andare sul loro sito ufficiale dove sono presenti album, bside, video e singoli in streaming.

Per altre cose in ambito musicale classico. Forse a ottobre [il forse è dettato a scongiuri assoluti, ma ho già contratto, mansione, e tra poco forse (sgrat) anche paga anticipata] sarò a seguire una cosa di cui non so neanche io di cosa si tratta. Ma tutto ciò è bellissimo. Solo che chi conosce la Salomé di Strauss gentilmente faccia un fischio in gmail che sto avendo attacchi di riso isterico, son cose.

0 thoughts on “Qui ci dovrebbe essere un titolo.”

Rispondi