Ma tanto è un momento di stanca.

Gli argomenti ci sarebbero, ma stranamente mi manca la voglia di postare. Qui è sempre una incazzatura dietro all’altra col lavoro.
Ieri ve l’ho detto in radio. Mi viene in mente Antoine e le sue Pietre. Se lavori all’università la paghi, se fai una certa facoltà non ti vogliono e i lavori che ti restano ti incasinano un bel po’ [non mi sono mai chiesta se in 4 anni mi piacesse veramente quel che stavo facendo, lavorare non tutelati e con l’acqua alla gola alla fine pesa un po’]

I biglietti live messangerLe minicards

Intanto arrivano quelle cosine gratis che non contano una mazza ma ti fanno tanto felice come i bimbi: i biglietti da visita marcati live messenger e le cards Moo. Arrivate già da un po’, ma mi scazzava fotografarle, diciamolo.
Poi però il post che avevo fatto prima è -nonsisacomemai- sparito. Beh, io oggi ho ricevuto una mail dalla Luci che mi ha detto che la Bertè alle invasioni barbariche ci è andata con una borsa bicroma a colori neutri regalatale da Renato. Ora, potrei essere stata testimone di un importante avvenimento e non lo sapevo. Commozione.

0 thoughts on “Ma tanto è un momento di stanca.”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.