Verismo, da Garlasco a Parma.

Tipo dieci giorni fa ero in bicicletta con la Chiara e le ho detto "vah, che sembriamo quelle che fanno la pubblicità che in quei giorni si gettano dal parapendio o che vanno a restaurare busti al Pincio."
Io le mestruazioni le vivo benissimo. Tolto il secondo giorno in cui mi chiedo perché sia donna e perché esce più sangue a me di uno a cui abbiam reciso la femorale io non ho grossi problemi. Mai preso uno di quei medicinali da banco e i dolori li ho solo quando mi muovo poco. Magari la noia son quei 3 giorni di gambe gonfie, ma se ne accorge solo il calzino.
Insomma, il casino è quando vengono questi fiumi di sangue fibrinoso, ché io la capisco la bici di Garlasco. In verità vi dico io con l’abbondanza dell’ultima tornata, dacché non si avevano cotali manifestazioni per noie tumorali da un po’, io ho lasciato tracce di sangue sul sellino. Se mi uccidono e qualcuno scappa con la mia bici… oltre che subirsi il cestino rosa…

Ora io quella cagata che le donne con le mestruazioni son nervose non la condivido.
E dire che il prof di istologia nonché ginecologo continuava a dire che le donne non dovrebbero fare il medico giacché hanno il ciclo, pensate un po’. Perché sennò in quei giorni non lavoriamo, certo. Come succedeva all’epoca degli antichi se tocchiamo un paziente lo rendiamo impuro, ovvio. Ma va a cagare.
Al massimo sono coccolosa, in quel periodo, (vi vedo che ridete) e sono in pace col mondo. Sono così rincoglionita in quei giorni che potete anche insultarmi e non reagisco. Che posso farci, dico io?

Una volta se ne parlò nel miglior post dell’anno, che infatti feci a gennaio così per far cagare allegramente in tutta l’annata bloggosa. Sì, quello dell’imbuto da figa. Rileggetelo, ché c’è dell’orgoglio.
Oggi invece con le altre pulzelle della blogosfera, capitanate dalla splendida Elena, vi rimbalziamo i post sulle mestruazioni.
Se svenite siamo attrezzati, se vomitate sappiate che qui si è sensibile al rumore dei conati e vi si viene appresso.
[Oh, ora non mi dite che non avete colto che io per 5 giorni al mese vorrei esser uomo. In caso potete anche andare a leggere cosa hanno scritto le colleghe, ché siccome l’han scritto in modo diretto e senza scherzarci magari la prendet… ehm, la leggete meglio. Vi veggo pallidi.]

0 thoughts on “Verismo, da Garlasco a Parma.”

  1. Mestruazioni for dummies

    [..] Raccolgo lo spunto di lalui, che a sua volta lo raccoglie da pm10, che a sua volta lo raccoglie da elena, per parlare delle mie cose. Come faccio sempre, direte voi, è il mio blog. No, no, non intendevo delle mie cose nel senso dei fatti miei, m [..]

  2. Sicché sei una donna lines.

    Di quelle che in quei giorni fanno free climbing e poi cinque chilometri di mountain bike.

    Ma tu capisci?!

    E se si… come fai?

    La droga la metti direttamente sull’assorbente?

    :O

  3. quando ero adolescente erano una tragedia.

    adesso son mesi che, sebbene mi anticipino in continuazione, in quei giorni non mi sembra neanche di averle per la montagna di robe da fare…

    se fosse così per sempre!

  4. Le “mie cose lì”, così come vengono dette eufemisticamente, quando arrivano mi pigliano malissimo, non solo perchè mi colgono con dei crampi dolorosissimi come se mi stessero squartando la parete uterina dall’interno, ma anche perchè dilagano tanto, ma talmente tanto che come mi muovo rischio di sporcarmi il cavallo dei pantaloni… mi tocca andare avanti a furia di maxi assorbenti per la notte anche in pieno giorno…..Vi lascio immaginare come sia il mio umore X0…

Rispondi