Infatti questo non è un libro, per fortuna.

Sto guardando 1408 su Rai4 e sto pensando come da giovane ero più interessata a scrivere di quanto non lo sia ora. Nel senso, la mia passione per lo scrivere in quanto tale è rimasta. Ricordate il bla bla sennò come mi esprimo? Quello.
Solo che credo che On writing di King per chi l'ha letto ti fa molto allontanare dalla voglia di fare della scrittura il mestiere principale. Proprio perché come chiunque faccia un mestiere e lo fa con tutte sue forze crede che il suo mestiere sia bellissimo, si vive per quella cosa, che si respira per quello e quello che si fa è in funzione di quello.
Io per indole non ho voglia di dare tutta la mia vita a un mestiere.

Una volta qualcuno disse che non si possono fare più cose bene, quindi diciamo che il mio obiettivo nella vita è fare 40 cose tutte male ma almeno aver tentato di farle. Metti caso che mi accorgo che l'unica cosa che ho mai provato a fare l'ho fatta di merda?


0 thoughts on “Infatti questo non è un libro, per fortuna.”

  1. Sì, lo so, sono ripetitiva! Ma è colpa tua che ti guadagni attestazioni di stima ogni volta che apri bocca e dici la tua!
    Dì qualcosa di stupido e ti libererai di me.

    Nel frattempo questa me la segno, eh.
    Per la prossima volta che vengono a scassarmi i cabasisi con la storia che "cambio hobby come si cambiano le mutande".

    Un abbraccio.
    MEM

  2. Aaah il multitasking umano…anch'io la penso più o meno come te, ma devo dire che certe volte per me è sconfortante sapere che nonostante mi impegni in un certo numero di cose (corso di canto, università, scrittura e dal prossimo mese solfeggio), non ce n'è una nella quale posso dire di eccellere in assoluto. Credo (magari mi sbaglio) che sia un'arma a doppio taglio: da una parte, avere tanti interessi ed occupazioni ti permette di non basare la tua felicità e la tua soddisfazione personale solo su una cosa, ma di avere varie possibilità. Mettiamo caso che una vada male, l'altra ti sta andando bene, e questo ti conforta. Ma, dall'altra, se vanno male TUTTE assieme, allora sono dolori amari. E comunque dovendo distribuire attenzione, dedizione e TEMPO per ognuno di questi campi, in effetti è difficile farli tutti benissimo.
    A me, per dire, sembra di non stare andando poi così avanti e certe volte mi chiedo che senso abbia continuare ad impegnarmi se non mi soddisfano mai i risultati.
    Ma io sono severissima con me stessa, quindi mi sa che non contoXD
    Detto questo, mi eclisso, scusami lo sfogo…
    Kira

  3. Mi associo a tutte voi……ho chiesto di allungare le giornate…24 ore non mi bastano…..alla faccia di quelli, e sono tanti credetemi, che non fanno un c****o tutto il giorno!!
    Il multitasking è il mio pane quotididiano……ma le cose da fare…le cose che vorrei fare…sono davvero troppe……
    A volte penso di essere un po' strana, ma mi va bene così….forse rasento l'iperattivo, ma senza tutto questo….casino…non potrei vivere.

    Ciao

    Roby

Rispondi